Footer menù

Testo del canto 40 (XL) del poema Orlando Furioso

40
Con tali e simil detti il vecchio accorto
studia tornare il suo signore in speme
di racquistarsi l’Africa di corto;
ma nel suo cor forse il contrario teme:
sa ben quanto è a mal termine e a mal porto,
e come spesso invan sospira e geme
chiunque il regno suo si lascia torre,
e per soccorso a’ barbari ricorre.

41
Annibal e Iugurta di ciò foro
buon testimoni, ed altri al tempo antico:
al tempo nostro Ludovico il Moro,
dato in poter d’un altro Ludovico.
Vostro fratello Alfonso da costoro
ben ebbe esempio (a voi, Signor mio, dico),
che sempre ha riputato pazzo espresso
chi più si fida in altri ch’in se stesso.

42
E però ne la guerra che gli mnosse
del pontifice irato un duro sdegno,
ancor che ne le deboli sue posse
non potessi egli far molto disegno,
e chi lo difendea, d’Italia fosse
spinto, e n’avesse il suo nimico il regno;
né per minacce mai né per promesse
s’indusse che lo stato altrui cedesse.

43
Il re Agramante all’oriente avea
volta la prora, e s’era spinto in alto,
quando da terra una tempesta rea
mosse da banda impetuoso assalto.
Il nocchier ch’al governo vi sedea:
– Io veggo (disse alzando gli occhi ad alto)
una procella apparecchiar sì grave,
che contrastar non le potrà la nave.

44
S’attendete, signori, al mio consiglio,
qui da man manca ha un’isola vicina,
a cui mi par ch’abbiamo a dar di piglio,
fin che passi il furor de la marina. –
Consentì il re Agramante; e di periglio
uscì, pigliando la spiaggia mancina,
che per salute de’ nocchier giace
tra gli Afri e di Vulcan l’alta fornace.

45
D’abitazioni è l’isoletta vota,
piena d’umil mortelle e di ginepri,
ioconda solitudine e remota
a cervi, a daini, a capriuoli, a lepri;
e fuor ch’a piscatori, è poco nota,
ove sovente a rimondati vepri
sospendon, per seccar, l’umide reti:
dormeno intanto i pesci in mar quieti.

46
Quivi trovar che s’era un altro legno,
cacciato da fortuna, già ridutto:
il gran guerrier ch’in Sericana ha regno,
levato d’Arli, avea quivi condutto.
Con modo riverente e di sé degno
l’un re con l’altro s’abbracciò all’asciutto;
ch’erano amici, e poco inanzi furo
compagni d’arme al parigino muro.

47
Con molto dispiacer Gradasso intese
del re Agramante le fortune avverse:
poi confortollo, e come re cortese,
con la propria persona se gli offerse:
ma che egli andasse all’infedel paese
d’Egitto, per aiuto, non sofferse.
– Che vi sia (disse) periglioso gire,
dovria Pompeio i profugi ammonire.

48
E perché detto m’hai che con l’aiuto
degli Etiopi, sudditi al Senapo,
Astolfo a torti l’Africa è venuto,
e ch’arsa ha la città che n’era capo;
e ch’Orlando è con lui, che diminuto
poco inanzi di senno aveva il capo;
mi pare al tutto un ottimo rimedio
aver pensato a farti uscir di tedio.

49
Io piglierò per amor tuo l’impresa
d’entrar col conte a singular certame.
Contra me so che non avrà difesa,
se tutto fosse di ferro o di rame.
Morto lui, stimo la cristiana Chiesa,
quel che l’agnelle il lupo ch’abbia fame.
Ho poi pensato (e mi fia cosa lieve)
di fare i Nubi uscir d’Africa in breve.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web