Footer menù

Testo del canto 37 (XXXVII) del poema Orlando Furioso

80
Egli da la sua gente è sì temuto,
ch’uomo non fu ch’ardisse alzar la testa.
Fuggon le donne col popul minuto
fuor de la chiesa, e chi può uscir, non resta.
Quel pazzo impeto al fin fu ritenuto
dagli amici con prieghi e forza onesta,
e lasciando ogni cosa in pianto al basso,
fatto entrar ne la rocca in cima al sasso.

81
E tuttavia la colera durando,
di cacciar tutte per partito prese;
poi che gli amici e ‘l populo pregando,
che non ci uccise a fatto, gli contese:
e quel medesmo dì fe’ andare un bando,
che tutte gli sgombrassimo il paese;
e darci qui gli piacque le confine.
Misera chi al castel più s’avvicine!

82
Da le mogli così furo i mariti,
da le madri così i figli divisi.
S’alcuni sono a noi venire arditi,
nol sappia già chi Marganor n’avisi;
che di multe gravissime puniti
n’ha molti, e molti crudelmente uccisi.
Al suo castello ha poi fatto una legge,
di cui peggior non s’ode né si legge.

83
Ogni donna che trovin ne la valle,
la legge vuol (ch’alcuna pur vi cade)
che percuotan con vimini alle spalle,
e la faccian sgombrar queste contrade:
ma scorciar prima i panni, e mostrar falle
quel che Natura asconde ed Onestade;
e s’alcuna vi va, ch’armata scorta
abbia di cavallier, vi resta morta.

84
Quelle c’hanno per scorta cavallieri,
son da questo nimico di pietate,
come vittime, tratte ai cimiteri
dei morti figli, e di sua man scannate.
Leva con ignominia arme e destrieri,
e poi caccia in prigion chi l’ha guidate:
e lo può far; che sempre notte e giorno
si trova più di mille uomini intorno.

85
E dir di più vi voglio ancora, ch’esso,
s’alcun ne lascia, vuol che prima giuri
su l’ostia sacra, che ‘l femineo sesso
in odio avrà fin che la vita duri.
Se perder queste donne e voi appresso
dunque vi pare, ite a veder quei muri
ove alberga il fellone, e fate prova
s’in lui più forza o crudeltà si trova. –

86
Così dicendo, le guerriere mosse
prima a pietade, e poscia a tanto sdegno,
che se, come era notte, giorno fosse,
sarian corse al castel senza ritegno.
La bella compagnia quivi pososse;
e tosto che l’Aurora fece segno
che dar dovesse al Sol loco ogni stella,
ripigliò l’arme e si rimesse in sella.

87
Già sendo in atto di partir, s’udiro
le strade risonar dietro le spalle
d’un lungo calpestio, che gli occhi in giro
fece a tutti voltar giù ne la valle.
E lungi quanto esser potrebbe un tiro
di mano, andar per uno istretto calle
vider da forse venti armati in schiera,
di che parte in arcion, parte a pied’era;

88
e che traean con lor sopra un cavallo
donna ch’al viso aver parea molt’anni,
a guisa che si mena un che per fallo
a fuoco o a ceppo o a laccio si condanni:
la qual fu, non ostante l’intervallo,
tosto riconosciuta al viso e ai panni.
La riconobber queste de la villa
esser la cameriera di Drusilla:

89
la cameriera che con lei fu presa
dal rapace Tanacro, come ho detto,
ed a chi fu dipoi data l’impresa
di quel venen che fe’ ‘l crudele effetto.
Non era entrata ella con l’altre in chiesa;
che di quel che seguì stava in sospetto:
anzi in quel tempo, de la villa uscita,
ove esser sperò salva, era fugita.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web