Footer menù

Testo del canto 37 (XXXVII) del poema Orlando Furioso

70
Renduto il nappo al sacerdote, lieto
per abbracciar Drusilla apre le braccia.
Or quivi il dolce stile e mansueto
in lei si cangia e quella gran bonaccia.
Lo spinge a dietro, e gli ne fa divieto,
e par ch’arda negli occhi e ne la faccia;
e con voce terribile e incomposta
gli grida: – Traditor, da me ti scosta!

71
Tu dunque avrai da me solazzo e gioia,
io lagrime da te, martìri e guai?
Io vo’ per le mie man ch’ora tu muoia:
questo è stato venen, se tu nol sai.
Ben mi duol c’hai troppo onorato boia,
che troppo lieve e facil morte fai;
che mani e pene io non so sì nefande,
che fosson pari al tuo peccato grande.

72
Mi duol di non vedere in questa morte
il sacrificio mio tutto perfetto:
che s’io ‘l poteva far di quella sorte
ch’era il disio, non avria alcun difetto.
Di ciò mi scusi il dolce mio consorte:
riguardi al buon volere, e l’abbia accetto;
che non potendo come avrei voluto,
io t’ho fatto morir come ho potuto.

73
E la punizion che qui, secondo
il desiderio mio, non posso darti,
spero l’anima tua ne l’altro mondo
veder patire; ed io starò a mirarti. –
Poi disse, alzando con viso giocondo
i turbidi occhi alle superne parti:
– Questa vittima, Olindro, in tua vendetta
col buon voler de la tua moglie accetta;

74
ed impetra per me dal Signor nostro
grazia, ch’in paradiso oggi io sia teco.
Se ti dirà che senza merto al vostro
regno anima non vien, di’ ch’io l’ho meco;
che di questo empio e scelerato mostro
le spoglie opime al santo tempio arreco.
E che merti esser puon maggior di questi,
spegner sì brutte e abominose pesti? –

75
Finì il parlare insieme con la vita;
e morta anco parea lieta nel volto
d’aver la crudeltà così punita
di chi il caro marito le avea tolto.
Non so se prevenuta, o se seguita
fu da lo spirto di Tanacro sciolto:
fu prevenuta, credo; ch’effetto ebbe
prima il veneno in lui, perché più bebbe.

76
Marganor che cader vede il figliuolo,
e poi restar ne le sue braccia estinto,
fu per morir con lui, dal grave duolo
ch’alla sprovista lo trafisse, vinto.
Duo n’ebbe un tempo, or si ritrova solo:
due femine a quel termine l’han spinto.
La morte a l’un da l’una fu causata;
e l’altra all’altro di sua man l’ha data.

77
Amor, pietà, sdegno, dolore ed ira,
disio di morte e di vendetta insieme
quell’infelice ed orbo padre aggira,
che, come il mar che turbi il vento, freme.
Per vendicarsi va a Drusilla, e mira
che di sua vita ha chiuse l’ore estreme;
e come il punge e sferza l’odio ardente,
cerca offendere il corpo che non sente.

78
Qual serpe che ne l’asta ch’alla sabbia
la tenga fissa, indarno i denti metta;
o qual mastin ch’al ciottolo che gli abbia
gittato il viandante, corra in fretta,
e morda invano con stizza e con rabbia,
né se ne voglia andar senza vendetta:
tal Marganor d’ogni mastin, d’ogni angue
via più crudel, fa contra il corpo esangue.

79
E poi che per stracciarlo e farne scempio
non si sfoga il fellon né disacerba,
vien fra le donne di che è pieno il tempio,
né più l’una de l’altra ci riserba;
ma di noi fa col brando crudo ed empio
quel che fa con la falce il villan d’erba.
Non vi fu alcun ripar, ch’in un momento
trenta n’uccise, e ne ferì ben cento.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web