Footer menù

Testo del canto 37 (XXXVII) del poema Orlando Furioso

20
S’al fiero Achille invidia de la chiara
meonia tromba il Macedonico ebbe,
quanto, invitto Francesco di Pescara,
maggior a te, se vivesse or, l’avrebbe!
che sì casta mogliere e a te sì cara
canti l’eterno onor che ti si debbe,
e che per lei sì ‘l nome tuo rimbombe,
che da bramar non hai più chiare trombe.

21
Se quanto dir se ne potrebbe, o quanto
io n’ho desir, volessi porre in carte,
ne direi lungamente; ma non tanto,
ch’a dir non ne restasse anco gran parte:
e di Marfisa e dei compagni intanto
la bella istoria rimarria da parte,
la quale io vi promisi di seguire,
s’in questo canto mi verreste a udire.

22
Ora essendo voi qui per ascoltarmi,
ed io per non mancar de la promessa,
serberò a maggior ozio di provarmi
ch’ogni laude di lei sia da me espressa;
non perch’io creda bisognar miei carmi
a chi se ne fa copia da se stessa;
ma sol per satisfare a questo mio.
c’ho d’onorarla e di lodar, disio.

23
Donne, io conchiudo in somma, ch’ogni etate
molte ha di voi degne d’istoria avute;
ma per invidia di scrittori state
non sete dopo morte conosciute:
il che più non sarà, poi che voi fate
per voi stesse immortal vostra virtute.
Se far le due cognate sapean questo,
si sapria meglio ogni lor degno gesto.

24
Di Bradamante e di Marfisa dico,
le cui vittoriose inclite prove
di ritornare in luce m’affatico;
ma de le diece mancanmi le nove.
Queste ch’io so, ben volentieri esplìco;
sì perché ogni bell’opra si de’, dove
occulta sia, scoprir, sì perché bramo
a voi, donne, aggradir, ch’onoro ed amo.

25
Stava Ruggier, com’io vi dissi, in atto
di partirsi, ed avea commiato preso,
e dall’arbore il brando già ritratto,
che, come dianzi, non gli fu conteso;
quando un gran pianto, che non lungo tratto
era lontan, lo fe’ restar sospeso;
e con le donne a quella via si mosse,
per aiutar, dove bisogno fosse.

26
Spingonsi inanzi, e via più chiaro il suon ne
viene, e via più son le parole intese.
Giunti ne la vallea, trovan tre donne
che fan quel duolo, assai strane in arnese;
che fin all’ombilico ha lor le gonne
scorciate non so chi poco cortese:
e per non saper meglio elle celarsi,
sedeano in terra, e non ardian levarsi.

27
Come quel figlio di Vulcan, che venne
fuor de la polve senza madre in vita,
e Pallade nutrir fe’ con solenne
cura d’Aglauro, al veder troppo ardita,
sedendo, ascosi i brutti piedi tenne
su la quadriga da lui prima ordita;
così quelle tre giovani le cose
secrete lor tenean, sedendo, ascose.

28
Lo spettacolo enorme e disonesto
l’una e l’altra magnanima guerriera
fe’ del color che nei giardin di Pesto
esser la rosa suol da primavera.
Riguardò Bradamante, e manifesto
tosto le fu ch’Ullania una d’esse era,
Ullania che da l’Isola Perduta
in Francia messaggera era venuta:

29
e riconobbe non men l’altre due;
che dove vide lei, vide esse ancora.
Ma se n’andaron le parole sue
a quella de le tre ch’ella più onora;
e le domanda chi sì iniquo fue,
e sì di legge e di costumi fuora,
che quei segreti agli occhi altrui riveli,
che, quanto può, par che Natura celi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web