Footer menù

Testo del canto 37 (XXXVII) del poema Orlando Furioso

90
Avuto Marganor poi di lei spia,
la qual s’era ridotta in Ostericche,
non ha cessato mai di cercar via
come in man l’abbia, acciò l’abruci o impicche:
e finalmente l’Avarizia ria,
mossa da doni e da proferte ricche,
ha fatto ch’un baron, ch’assicurata
l’avea in sua terra, a Marganor l’ha data:

91
e mandata glie l’ha fin a Costanza
sopra un somier, come la merce s’usa,
legata e stretta, e toltole possanza
di far parole, e in una cassa chiusa:
onde poi questa gente l’ha ad istanza
de l’uom ch’ogni pietade ha da sé esclusa,
quivi condotta con disegno ch’abbia
l’empio a sfogar sopra di lei sua rabbia.

92
Come il gran fiume che di Vesulo esce,
quanto più inanzi e verso il mar discende,
e che con lui Lambra e Ticin si mesce,
ed Ada e gli altri onde tributo prende,
tanto più altiero e impetuoso cresce;
così Ruggier, quante più colpe intende
di Marganor, così le due guerriere
se gli fan contra più sdegnose e fiere.

93
Elle fur d’odio, elle fur d’ira tanta
contra il crudel, per tante colpe, accese,
che di punirlo, mal grado di quanta
gente egli avea, conclusion si prese.
Ma dargli presta morte troppo santa
pena lor parve e indegna a tante offese;
ed era meglio fargliela sentire,
fra strazio prolungandola e martìre.

94
Ma prima liberar la donna è onesto,
che sia condotta da quei birri a morte.
Lentar di briglia col calcagno presto
fece a’ presti destrier far le vie corte.
Non ebbon gli assaliti mai di questo
uno incontro più acerbo né più forte;
sì che han di grazia di lasciar gli scudi
e la donna e l’arnese, e fuggir nudi:

95
sì come il lupo che di preda vada
carco alla tana, e quando più si crede
d’esser sicur, dal cacciator la strada
e da’ suoi cani attraversar si vede,
getta la soma, e dove appar men rada
la scura macchia inanzi, affretta il piede.
Già men presti non fur quelli a fuggire,
che li fusson quest’altri ad assalire.

96
Non pur la donna e l’arme vi lasciaro,
ma de’ cavalli ancor lasciaron molti,
e da rive e da grotte si lanciaro,
parendo lor così d’esser più sciolti.
Il che alle donne ed a Ruggier fu caro;
che tre di quei cavalli ebbono tolti
per portar quelle tre che ‘l giorno d’ieri
feron sudar le groppe ai tre destrieri.

97
Quindi espediti segueno la strada
verso l’infame e dispietata villa.
Voglion che seco quella vecchia vada,
per veder la vendetta di Drusilla.
Ella che teme che non ben le accada,
lo niega indarno, e piange e grida e strilla;
ma per forza Ruggier la leva in groppa
del buon Frontino, e via con lei galoppa.

98
Giunseno in somma onde vedeano al basso
di molte case un ricco borgo e grosso,
che non serrava d’alcun lato il passo,
perché né muro intorno avea né fosso.
Avea nel mezzo un rilevato sasso
ch’un’alta rocca sostenea sul dosso.
A quella si drizzar con gran baldanza,
ch’esser sapean di Marganor la stanza.

99
Tosto che son nel borgo, alcuni fanti
che v’erano alla guardia de l’entrata,
dietro chiudon la sbarra, e già davanti
veggion che l’altra uscita era serrata:
ed ecco Marganorre, e seco alquanti
a piè e a cavallo, e tutta gente armata;
che con brevi parole, ma orgogliose,
la ria costuma di sua terra espose.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web