Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

70
che senza più voltarsi mostrò loro
lontan le spalle, e dileguossi tosto.
Quei che, per guadagnar lo scudo d’oro,
di paese venian tanto discosto,
poi che senza parlar ritti si foro,
che ben l’avean con ogni ardir deposto,
stupefatti parean di maraviglia,
né verso Ullania ardian d’alzar le ciglia;

71
che con lei molte volte per camino
dato s’avean troppo orgogliosi vanti:
che non è cavallier né paladino
ch’al minor di lor tre durasse avanti.
La donna, perché ancor più a capo chino
vadano, e più non sian così arroganti,
fa lor saper che fu femina quella,
non paladin, che li levò di sella.

72
– Or che dovete (diceva ella), quando
così v’abbia una femina abbattuti,
pensar che sia Rinaldo o che sia Orlando,
non senza causa in tant’onore avuti?
S’un d’essi avrà lo scudo, io vi domando
se migliori di quel che siate suti
contra una donna, contra lor sarete?
Non credo io già, né voi forse il credete.

73
Questo vi può bastar; né vi bisogna
del valor vostro aver più chiara prova:
e quel di voi che temerario aggogna
far di sé in Francia esperienza nuova,
cerca giungere il danno alla vergogna
in che ieri ed oggi s’è trovato e trova;
se forse egli non stima utile e onore,
qualor per man di tai guerrier si muore. –

74
Poi che ben certi i cavallieri fece
Ullania, che quell’era una donzella,
la qual fatto avea nera più che pece
la fama lor, ch’esser solea sì bella;
e dove una bastava, più di diece
persone il detto confermar di quella;
essi fur per voltar l’arme in se stessi,
da tal dolor, da tanta rabbia oppressi.

75
E da lo sdegno e da la furia spinti,
l’arme si spoglian, quante n’hanno indosso;
né si lascian la spada onde eran cinti,
e del castel la gittano nel fosso:
e giuran, poi che gli ha una donna vinti,
e fatto sul terren battere il dosso,
che, per purgar sì grave error, staranno
senza mai vestir l’arme intero un anno;

76
e che n’andranno a piè pur tuttavia,
o sia la strada piana, o scenda e saglia;
né, poi che l’anno anco finito sia,
saran per cavalcare o vestir maglia,
s’altr’arme, altro destrier da lor non fia
guadagnato per forza di battaglia.
Così senz’arme, per punir lor fallo,
essi a piè se n’andar, gli altri a cavallo.

77
Bradamante la sera ad un castello
ch’alla via di Parigi si ritrova,
di Carlo e di Rinaldo suo fratello,
ch’avean rotto Agramante, udì la nuova.
Quivi ebbe buona mensa e buono ostello:
ma questo ed ogn’altro agio poco giova;
che poco mangia e poco dorme, e poco,
non che posar, ma ritrovar può loco.

78
Non però di costei voglio dir tanto,
ch’io non ritorni a quei duo cavallieri
che d’accordo legato aveano a canto
la solitaria fonte i duo destrieri.
La pugna lor, di che vo’ dirvi alquanto,
non è per acquistar terre né imperi,
ma perché Durindana il più gagliardo
abbia ad avere, e a cavalcar Baiardo.

79
Senza che tromba o segno altro accennasse
quando a muover s’avean, senza maestro
che lo schermo e ‘l ferir lor ricordasse,
e lor pungesse il cor d’animoso estro,
l’uno e l’altro d’accordo il ferro trasse,
e si venne a trovare agile e destro.
I spessi e gravi colpi a farsi udire
incominciaro, ed a scaldarsi l’ire.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web