Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

60
Pur chiude alquanto appresso all’alba i lumi,
e di veder le pare il suo Ruggiero,
il qual le dica: – Perché ti consumi,
dando credenza a quel che non è vero?
Tu vedrai prima all’erta andare i fiumi,
ch’ad altri mai, ch’a te, volga il pensiero.
S’io non amassi te, né il cor potrei
né le pupille amar degli occhi miei. –

61
E par che le suggiunga: – Io son venuto
per battezzarmi e far quanto ho promesso;
e s’io son stato tardi, m’ha tenuto
altra ferita, che d’amore, oppresso. –
Fuggesi in questo il sonno, né veduto
è più Ruggier che se ne va con esso.
Rinuova allora i pianti la donzella,
e ne la mente sua così favella:

62
– Fu quel che piacque, un falso sogno; e questo
che mi tormenta, ahi lassa! è un veggiar vero.
Il ben fu sogno a dileguarsi presto,
ma non è sogno il martire aspro e fiero.
Perch’or non ode e vede il senso desto
quel ch’udire e veder parve al pensiero?
A che condizione, occhi miei, sete,
che chiusi il ben, e aperti il mal vedete?

63
Il dolce sonno mi promise pace,
ma l’amaro veggiar mi torna in guerra:
il dolce sonno è ben stato fallace,
ma l’amaro veggiare, ohimè! non erra.
Se ‘l vero annoia, e il falso sì mi piace,
non oda o vegga mai più vero in terra:
se ‘l dormir mi dà gaudio, e il veggiar guai,
possa io dormir senza destarmi mai.

64
O felice animai ch’un sonno forte
sei mesi tien senza mai gli occhi aprire!
Che s’assimigli tal sonno alla morte,
tal veggiare alla vita, io non vo’ dire;
ch’a tutt’altre contraria la mia sorte
sente morte a veggiar, vita a dormire:
ma s’a tal sonno morte s’assimiglia,
deh, Morte, or ora chiudimi le ciglia! –

65
De l’orizzonte il sol fatte avea rosse
l’estreme parti, e dileguato intorno
s’eran le nubi, e non parea che fosse
simile all’altro il cominciato giorno;
quando svegliata Bradamante armosse
per fare a tempo al suo camin ritorno,
rendute avendo grazie a quel signore
del buono albergo e de l’avuto onore.

66
E trovò che la donna messaggera,
con damigelle sue, con suoi scudieri
uscita de la rocca, venut’era
là dove l’attendean quei tre guerrieri;
quei che con l’asta d’oro essa la sera
fatto avea riversar giù dei destrieri,
e che patito avean con gran disagio
la notte l’acqua e il vento e il ciel malvagio.

67
Arroge a tanto mal, ch’a corpo voto
ed essi e i lor cavalli eran rimasi,
battendo i denti e calpestando il loto:
ma quasi lor più incresce, e senza quasi
incresce e preme più, che farà noto
la messaggera, appresso agli altri casi,
alla sua donna, che la prima lancia
gli abbia abbattuti, c’han trovata in Francia.

68
E presti o di morire, o di vendetta
subito far del ricevuto oltraggio,
acciò la messaggera, che fu detta
Ullania, che nomata più non aggio,
la mala opinion ch’avea concetta
forse di lor, si tolga del coraggio,
la figliuola d’Amon sfidano a giostra,
tosto che fuor del ponte ella si mostra;

69
non pensando però che sia donzella,
che nessun gesto di donzella avea.
Bradamante ricusa, come quella
ch’in fretta gìa, né soggiornar volea.
Pur tanto e tanto fur molesti, ch’ella,
che negar senza biasmo non potea,
abbassò l’asta, ed a tre colpi in terra
li mandò tutti; e qui finì la guerra:

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web