Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

50
Ma quella che di noi fa come il vento
d’arida polve, che l’aggira in volta,
la leva fin al cielo, e in un momento
a terra la ricaccia, onde l’ha tolta;
fa ch’intorno a Pavia crede di cento
mila persone aver fatto raccolta
il re, che mira a quel che di man gli esce,
non se la gente sua si scema o cresce.

51
Così per colpa de’ ministri avari,
e per bontà del re che se ne fida,
sotto l’insegne si raccoglion rari,
quando la notte il campo all’arme grida,
che si vede assalir dentro ai ripari
dal sagace Spagnuol, che con la guida
di duo del sangue d’Avalo ardiria
farsi nel cielo e ne lo ‘nferno via.

52
Vedete il meglio de la nobiltade
di tutta Francia alla campagna estinto.
Vedete quante lance e quante spade
han d’ogn’intorno il re animoso cinto;
vedete che ‘l destrier sotto gli cade:
né per questo si rende o chiama vinto,
ben ch’a lui solo attenda, a lui sol corra
lo stuol nimico, e non è chi ‘l soccorra.

53
Il re gagliardo si difende a piede,
e tutto de l’ostil sangue si bagna:
ma virtù al fine a troppa forza cede.
Ecco il re preso, ed eccolo in Ispagna:
ed a quel di Pescara dar si vede,
ed a chi mai da lui non si scompagna,
a quel del Vasto, le prime corone
del campo rotto e del gran re prigione.

54
Rotto a Pavia l’un campo, l’altro ch’era,
per dar travaglio a Napoli, in camino,
restar si vede, come, se la cera
gli manca o l’oglio, resta il lumicino.
Ecco che ‘l re ne la prigione ibera
lascia i figliuoli, e torna al suo domìno:
ecco fa a un tempo egli in Italia guerra;
ecco altri la fa a lui ne la sua terra.

55
Vedete gli omicidi e le rapine
in ogni parte far Roma dolente;
e con incendi e stupri le divine
e le profane cose ire ugualmente.
Il campo de la lega le ruine
mira d’appresso, e ‘l pianto e ‘l grido sente;
e dove ir dovria inanzi, torna indietro,
e prender lascia il successor di Pietro.

56
Manda Lotrecco il re con nuove squadre,
non più per fare in Lombardia l’impresa,
ma per levar de le mani empie e ladre
il capo e l’altre membra de la Chiesa;
che tarda sì, che trova al Santo Padre
non esser più la libertà contesa.
Assedia la cittade ove sepolta
è la sirena, e tutto il regno volta.

57
Ecco l’armata imperial si scioglie
per dar soccorso alla città assediata;
ed ecco il Doria che la via le toglie,
e l’ha nel mar sommersa, arsa e spezzata.
Ecco Fortuna come cangia voglie,
sin qui a’ Francesi sì propizia stata;
che di febbre gli uccide, e non di lancia,
sì che di mille un non ne torna in Francia. –

58
La sala queste ed altre istorie molte,
che tutte saria lungo riferire,
in vari e bei colori avea raccolte;
ch’era ben tal che le potea capire.
Tornano a rivederle due e tre volte,
né par che se ne sappiano partire;
e rilegon più volte quel ch’in oro
si vedea scritto sotto il bel lavoro.

59
Le belle donne e gli altri quivi stati
mirando e ragionando insieme un pezzo,
fur dal signore a riposar menati,
ch’onorar gli osti suoi molt’era avezzo.
Già sendo tutti gli altri addormentati,
Bradamante a corcar si va da sezzo,
e si volta or su questo or su quel fianco,
né può dormir sul destro né sul manco.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web