Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

30
Merlin gli disse, e replicògli spesso,
ch’era serbato a nascere all’etade
che più il romano Imperio saria oppresso,
acciò per lui tornasse in libertade.
Ma perché alcuno de’ suoi gesti appresso
vi mostrerò, predirli non accade. –
Così disse; e tornò all’istoria dove
di Carlo si vedean l’inclite prove.

31
– Ecco (dicea) sì pente Ludovico
d’aver fatto in ltalia venir Carlo;
che sol per travagliar l’emulo antico
chiamato ve l’avea, non per cacciarlo;
e se gli scuopre al ritornar nimico
con Veneziani in lega, e vuol pigliarlo.
Ecco la lancia il re animoso abbassa,
apre la strada e, lor mal grado, passa.

32
Ma la sua gente ch’a difesa resta
del nuovo regno, ha ben contraria sorte;
che Ferrante, con l’opra che gli presta
il signor mantuan, torna sì forte,
ch’in pochi mesi non ne lascia testa,
o in terra o in mar, che non sia messa a morte:
poi per un uom che gli è con fraude estinto,
non par che senta il gaudio d’aver vinto. –

33
Così dicendo, mostragli il marchese
Alfonso di Pescara, e dice: – Dopo
che costui comparito in mille imprese
sarà più risplendente che piropo,
ecco qui ne l’insidie che gli ha tese
con un trattato doppio il rio Etiopo,
come scannato di saetta cade
il miglior cavallier di quella etade.

34
Poi mostra ove il duodecimo Luigi
passa con scorta italiana i monti,
e svelto il Moro, pon la Fiordaligi
nel fecondo terren già de’ Visconti.
Indi manda sua gente pei vestigi
di Carlo, a far sul Garigliano i ponti;
la quale appresso andar rotta e dispersa
si vede, e morta e nel fiume summersa.

35
Vedete in Puglia non minor macello
de l’esercito franco in fuga volto;
e Consalvo Ferrante ispano è quello
che due volte alla trappola l’ha colto.
E come qui turbato, così bello
mostra Fortuna al re Luigi il volto
nel ricco pian che, fin dove Adria stride,
tra l’Apenino e l’Alpe il Po divide. –

36
Così dicendo, se stesso riprende
che quel ch’avea a dir prima abbia lasciato;
e torna a dietro, e mostra uno che vende
il castel che ‘l signor suo gli avea dato;
mostra il perfido Svizzero che prende
colui ch’a sua difesa l’ha assoldato:
le quai due cose, senza abbassar lancia,
han dato la vittoria al re di Francia.

37
Poi mostra Cesar Borgia col favore
di questo re farsi in Italia grande;
ch’ogni baron di Roma, ogni signore
suggietto a lei, par ch’in esilio mande.
Poi mostra il re che di Bologna fuore
leva la Sega, e vi fa entrar le Giande;
poi come volge i Genovesi in fuga
fatti ribelli, e la città suggiuga.

38
– Vedete (dice poi) di gente morta
coperta in Giaradada la campagna.
Par ch’apra ogni cittade al re la porta,
e che Venezia a pena vi rimagna.
Vedete come al papa non comporta
che, passati i confini di Romagna,
Modana al duca di Ferrara toglia,
né qui si fermi, e ‘l resto tor gli voglia:

39
e fa, all’incontro, a lui Bologna torre;
che v’entra la Bentivola famiglia.
Vedete il campo de’ Francesi porre
a sacco Brescia, poi che la ripiglia;
e quasi a un tempo Felsina soccorre,
e ‘l campo ecclesiastico sgombiglia:
e l’uno e l’altro poi nei luoghi bassi
par si riduca del lito de Chiassi.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web