Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

10
Merlin gli fe’ veder che quasi tutti
gli altri che poi di Francia scettro avranno,
o di ferro gli eserciti distrutti,
o di fame o di peste si vedranno;
e che brevi allegrezze e lunghi lutti,
poco guadagno ed infinito danno
riporteran d’Italia; che non lice
che ‘l Giglio in quel terreno abbia radice.

11
Re Fieramonte gli prestò tal fede,
ch’altrove disegnò volger l’armata;
e Merlin, che così la cosa vede,
ch’abbia a venir, come se già sia stata,
avere a’ prieghi di quel re si crede
la sala per incanto istoriata,
ove dei Franchi ogni futuro gesto,
come già stato sia, fa manifesto.

12
Acciò chi poi succederà, comprenda
che, come ha d’acquistar vittoria e onore,
qualor d’Italia la difesa prenda
incontra ogn’altro barbaro furore;
così, s’avvien ch’a danneggiarla scenda,
per porle il giogo e farsene signore,
comprenda, dico, e rendasi ben certo
ch’oltre a quei monti avrà il sepulcro aperto. –

13
Così disse; e menò le donne dove
incomincian l’istorie: e Singiberto
fa lor veder, che per tesor si muove,
che gli ha Maurizio imperatore offerto.
– Ecco che scende dal monte di Giove
nel pian da l’Ambra e dal Ticino aperto.
Vedete Eutar, che non pur l’ha respinto,
ma volto in fuga e fracassato e vinto.

14
Vedete Clodoveo, ch’a più di cento
mila persone fa passare il monte:
vedete il duca là di Benevento,
che con numer dispar vien loro a fronte.
Ecco finge lasciar l’alloggiamento,
e pon gli aguati: ecco, con morti ed onte,
al vin lombardo la gente francesca
corre, e riman come la lasca all’esca.

15
Ecco in Italia Childiberto quanta
gente di Francia e capitani invia;
né più che Clodoveo, si gloria e vanta
ch’abbia spogliata o vinta Lombardia;
che la spada del ciel scende con tanta
strage de’ suoi, che n’è piena ogni via,
morti di caldo e di profluvio d’alvo;
sì che di dieci un non ne torna salvo.

16
Mostra Pipino, e mostra Carlo appresso,
come in Italia un dopo l’altro scenda,
e v’abbia questo e quel lieto successo,
che venuto non v’è perché l’offenda;
ma l’uno, acciò il pastor Stefano oppresso,
l’altro Adriano, e poi Leon difenda:
l’un doma Aistulfo, e l’altro vince e prende
il successore, e al papa il suo onor rende.

17
Lor mostra appresso un giovene Pipino,
che con sua gente par che tutto cuopra
da le Fornaci al lito pelestino;
e faccia con gran spesa e con lung’opra
il ponte a Malamocco, e che vicino
giunga a Rialto, e vi combatta sopra.
Poi fuggir sembra, e che i suoi lasci sotto
l’acque; che ‘l ponte il vento e ‘l mar gli han rotto.

18
– Ecco Luigi Borgognon, che scende
là dove par che resti vinto e preso,
e che giurar gli faccia chi lo prende,
che più da l’arme sue non sarà offeso.
Ecco che ‘l giuramento vilipende;
ecco di nuovo cade al laccio teso;
ecco vi lascia gli occhi, e come talpe
lo riportano i suoi di qua da l’Alpe.

19
Vedete un Ugo d’Arli far gran fatti,
e che d’Italia caccia i Berengari;
e due o tre volte gli ha rotti e disfatti,
or dagli Unni rimessi, or dai Bavari.
Poi da più forza è stretto di far patti
con l’inimico, e non sta in vita guari;
né guari dopo lui vi sta l’erede,
e ‘l regno intero a Berengario cede.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web