Footer menù

Testo del canto 33 (XXXIII) del poema Orlando Furioso

100
Tra la marina e la silvosa schena
del fiero Atlante vide ogni contrada.
Poi diè le spalle ai monti di Carena,
e sopra i Cirenei prese la strada;
e traversando i campi de l’arena,
venne a’ confin di Nubia in Albaiada.
Rimase dietro il cimiter di Batto
e l’gran tempio d’Amon, ch’oggi è disfatto.

101
Indi giunse ad un’altra Tremisenne,
che di Maumetto pur segue lo stilo.
Poi volse agli altri Etiopi le penne,
che contra questi son di là dal Nilo.
Alla città di Nubia il camin tenne
tra Dobada e Coalle in aria a filo.
Questi cristiani son, quei saracini;
e stan con l’arme in man sempre a’ confini.

102
Senapo imperator de la Etiopia,
ch’in loco tien di scettro in man la croce,
di gente, di cittadi e d’oro ha copia
quindi fin là dove il mar Rosso ha foce;
e serva quasi nostra fede propia,
che può salvarlo da l’esilio atroce.
Gli è, s’io non piglio errore, in questo loco
ove al battesmo loro usano un fuoco.

103
Dismontò il duca Astolfo alla gran corte
dentro di Nubia, e visitò il Senapo.
Il castello è più ricco assai che forte,
ove dimora d’Etiopia il capo.
Le catene dei ponti e de le porte,
gangheri e chiavistei da piedi a capo,
e finalmente tutto quel lavoro
che noi di ferro usiamo, ivi usan d’oro.

104
Ancor che del finissimo metallo
vi sia tale abondanza, è pur in pregio.
Colonnate di limpido cristallo
son le gran logge del palazzo regio.
Fan rosso, bianco, verde, azzurro e giallo
sotto i bei palchi un relucente fregio,
divisi tra proporzionati spazi,
rubin, smeraldi, zafiri e topazi.

105
In mura, in tetti, in pavimenti sparte
eran le perle, eran le ricche gemme.
Quivi il balsamo nasce; e poca parte
n’ebbe appo questi mai Ierusalemme.
Il muschio ch’a noi vien, quindi si parte;
quindi vien l’ambra, e cerca altre maremme:
vengon le cose in somma da quel canto,
che nei paesi nostri vaglion tanto.

106
Si dice che ‘l soldan, re de l’Egitto,
a quel re dà tributo e sta suggetto,
perch’è in poter di lui dal camin dritto
levare il Nilo, e dargli altro ricetto,
e per questo lasciar subito afflitto
di fame il Cairo e tutto quel distretto.
Senapo detto è dai sudditi suoi;
gli diciàn Presto o Preteianni noi.

107
Di quanti re mai d’Etiopia foro,
il più ricco fu questi e il più possente;
ma con tutta sua possa e suo tesoro,
gli occhi perduti avea miseramente.
E questo era il minor d’ogni martoro:
molto era più noioso e più spiacente,
che, quantunque ricchissimo si chiame,
cruciato era da perpetua fame.

108
Se per mangiare o ber quello infelice
venìa cacciato dal bisogno grande,
tosto apparia l’infernal schiera ultrice,
le mostruose arpie brutte e nefande,
che col griffo e con l’ugna predatrice
spargeano i vasi, e rapian le vivande;
e quel che non capia lor ventre ingordo,
vi rimanea contaminato e lordo.

109
E questo, perch’essendo d’anni acerbo,
e vistosi levato in tanto onore,
che, oltre alle ricchezze, di più nerbo
era di tutti gli altri e di più core;
divenne, come Lucifer, superbo,
e pensò muover guerra al suo Fattore.
Con la sua gente la via prese al dritto
al monte onde esce il gran fiume d’Egitto.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web