Footer menù

Testo del canto 32 (XXXII) del poema Orlando Furioso

60
Dietro non gli galoppa né gli corre
ella; ch’adagio il suo camin dispensa,
e molte cose tuttavia discorre,
che son per accadere: e in somma pensa
che questo scudo di Francia sia per porre
discordia e rissa e nimicizia immensa
fra paladini ed altri, se vuol Carlo
chiarir chi sia il miglior, e a colui darlo.

61
Le preme il cor questo pensier; ma molto
più le lo preme e strugge in peggior guisa
quel ch’ebbe prima, di Ruggier, che tolto
il suo amor le abbia e datolo a Marfisa.
Ogni suo senso in questo è sì sepolto,
che non mira la strada, né divisa
ove arrivar, né se troverà inanzi
commodo albergo ove la notte stanzi.

62
Come nave, che vento da la riva,
o qualch’altro accidente abbia disciolta,
va di nochiero e di governo priva
ove la porti o meni il fiume in volta;
così l’amante giovane veniva,
tutta a pensare al suo Ruggier rivolta,
ove vuol Rabican; che molte miglia
lontano è il cor che de’ girar la briglia.

63
Leva al fin gli occhi, e vede il sol che ‘l tergo
avea mostrato alle città di Bocco,
e poi s’era attuffato, come il mergo,
in grembo alla nutrice oltr’a Marocco:
e se disegna che la frasca albergo
le dia ne’ campi, fa pensier di sciocco;
che soffia un vento freddo, e l’aria grieve
pioggia la notte le minaccia o nieve.

64
Con maggior fretta fa movere il piede
al suo cavallo; e non fece via molta,
che lasciar le campagne a un pastor vede,
che s’avea la sua gregge inanzi tolta.
La donna lui con molta istanza chiede
che le ‘nsegni ove possa esser raccolta
o ben o mal; che mal sì non s’alloggia,
che non sia peggio star fuori alla pioggia.

65
Disse il pastore: – Io non so loco alcuno
ch’io vi sappia insegnar, se non lontano
più di quattro o di sei leghe, for ch’uno
che si chiama la rocca di Tristano.
Ma d’alloggiarvi non succede a ognuno;
perché bisogna, con la lancia in mano
che se l’acquisti e che se la difenda
il cavallier che d’alloggiarvi intenda.

66
Se, quando arriva un cavallier, si trova
vota la stanza, il castellan l’accetta;
ma vuol se sopravien poi gente nuova,
ch’uscir fuori alla giostra gli prometta.
Se non vien, non accade che si mova:
se vien, forza è che l’arme si rimetta
e con lui giostri, e chi di lor val meno.
ceda l’albergo ed esca al ciel sereno.

67
Se duo, tre, quattro o più guerrieri a un tratto
vi giungon prima, in pace albergo v’hanno;
e chi di poi vien solo, ha peggior patto,
perché seco giostrar quei più lo fanno.
Così, se prima un sol si sarà fatto
quivi alloggiar, con lui giostrar voranno
in duo, tre, quattro o più che verran dopo;
sì che, s’avrà valor, gli fia a grande uopo.

68
Non men, se donna capita o donzella,
accompagnata o sola a questa rocca,
e poi v’arrivi un’altra, alla più bella
l’albergo, ed alla men star di fuor tocca. –
Domanda Bradamante ove sia quella;
e il buon pastor non pur dice con bocca,
ma le dimostra il loco anco con mano,
da cinque o dai sei miglia indi lontano.

69
La donna, ancor che Rabican ben trotte,
solecitar però non lo sa tanto
per quelle vie tutte fangose e rotte
da la stagion ch’era piovosa alquanto,
che prima arrivi, che la cieca notte
fatt’abbia oscuro il mondo in ogni canto.
Trovò chiusa la porta; e a chi n’avea
la guardia disse ch’alloggiar volea.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web