Footer menù

Testo del canto 32 (XXXII) del poema Orlando Furioso

40
Crudel, di che peccato a doler t’hai,
se d’uccider chi t’ama non ti penti?
Se ‘l mancar di tua fé sì leggier fai,
di ch’altro peso il cor gravar ti senti?
Come tratti il nimico, se tu dai
a me, che t’amo sì, questi tormenti?
Ben dirò che giustizia in ciel non sia,
s’a veder tardo la vendetta mia.

41
Se d’ogn’altro peccato assai più quello
de l’empia ingratitudine l’uomo grava,
e per questo dal ciel l’angel più bello
fu relegato in parte oscura e cava;
e se gran fallo aspetta gran flagello
quando debita emenda il cor non lava;
guarda ch’aspro flagello in te non scenda,
che mi se’ ingrato e non vuoi farne emenda.

42
Di furto ancora, oltre ogni vizio rio,
di te, crudele, ho da dolermi molto.
Che tu mi tenga il cor, non ti dico io;
di questo io vo’ che tu ne vada assolto:
dico di te, che t’eri fatto mio
e poi contra ragion mi ti sei tolto.
Renditi, iniquo, a me; che tu sai bene
che non si può salvar chi l’altrui tiene.

43
Tu m’hai, Ruggier, lasciata: io te non voglio,
né lasciarti volendo anco potrei;
ma per uscir d’affanno e di cordoglio,
posso e voglio, finire i giorni miei.
Di non morirti in grazia sol mi doglio;
che se concesso m’avessero i dei
ch’io fossi morta quando t’era grata,
morte non fu giamai tanto beata. –

44
Così dicendo, di morir disposta,
salta dal letto, e di rabbia infiammata
si pon la spada alla sinistra costa;
ma si ravvede poi che tutta è armata.
Il miglior spirto in questo le s’accosta,
e nel cor le ragiona: – O donna nata
di tant’alto lignaggio, adunque vuoi
finir con sì gran biasmo i giorni tuoi?

45
Non è meglio ch’al campo tu ne vada,
ove morir si può con laude ognora?
Quivi, s’avvien ch’inanzi a Ruggier cada,
del morir tuo si dorrà forse ancora:
ma s’a morir t’avvien per la sua spada,
chi sarà mai che più contenta muora?
Ragione è ben che di vita ti privi,
poi ch’è cagion ch’in tanta pena vivi.

46
Verrà forse anco che prima che muori
farai vendetta di quella Marfisa
che t’ha con fraudi e disonesti amori,
da te Ruggiero alienando, uccisa. –
Questi pensieri parveno migliori
alla donzella; e tosto una divisa
si fe’ su l’arme, che volea inferire
disperazione e voglia di morire.

47
Era la sopraveste del colore
in che riman la foglia che s’imbianca
quando del ramo è tolta, o che l’umore
che facea vivo l’arbore le manca.
Ricamata a tronconi era, di fuore,
di cipresso che mai non si rinfranca,
poi ch’ha sentita la dura bipenne;
l’abito al suo dolor molto convenne.

48
Tolse il destrier ch’Astolfo aver solea,
e quella lancia d’or, che, sol toccando,
cader di sella i cavallier facea.
Perché la le diè Astolfo, e dove e quando,
e da chi prima avuta egli l’avea,
non credo che bisogni ir replicando.
Ella la tolse, non però sapendo
che fosse del valor ch’era, stupendo.

49
Senza scudiero e senza compagnia
scese dal monte, e si pose in camino
verso Parigi alla più dritta via,
ove era dianzi il campo saracino;
che la novella ancora non s’udia,
che l’avesse Rinaldo paladino,
aiutandolo Carlo e Malagigi,
fatto tor da l’assedio di Parigi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web