Footer menù

Testo del canto 32 (XXXII) del poema Orlando Furioso

110
Finita ch’ella fu (che saria forse
stata più lunga, se ‘l desir non era
di cibar gli occhi), Bradamante sorse,
e sorse appresso a lei la messaggera.
Accennò quel signore ad un che corse
e prestamente allumò molta cera,
che splender fe’ la sala in ogni canto.
Quel che seguì dirò ne l’altro canto.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web