Footer menù

Testo del canto 32 (XXXII) del poema Orlando Furioso

100
Come si vede in un momento oscura
nube salir d’umida valle al cielo,
che la faccia che prima era sì pura
cuopre del sol con tenebroso velo;
così la donna alla sentenza dura
che fuor la caccia ove è la pioggia e ‘l gielo,
cangiar si vide, e non parer più quella
che fu pur dianzi sì gioconda e bella.

101
S’impallidisce e tutta cangia in viso,
che tal sentenza udir poco le aggrada.
Ma Bradamante con un saggio aviso,
che per pietà non vuol che se ne vada,
rispose: – A me non par che ben deciso,
né che ben giusto alcun giudicio cada,
ove prima non s’oda quanto nieghi
la parte o affermi, e sue ragioni alleghi.

102
Io ch’a difender questa causa toglio,
dico: o più bella o men ch’io sia di lei,
non venni come donna qui, né voglio
che sian di donna ora i progressi miei.
Ma chi dirà, se tutta non mi spoglio,
s’io sono o s’io non son quel ch’è costei?
E quel che non si sa non si de’ dire,
e tanto men, quando altri n’ha a patire.

103
Ben son degli altri ancor, c’hanno le chiome
lunghe, com’io, né donne son per questo.
Se come cavallier la stanza, o come
donna acquistata m’abbia, è manifesto:
perché dunque volete darmi nome
di donna, se di maschio è ogni mio gesto?
La legge vostra vuol che ne sian spinte
donne da donne, e non da guerrier vinte.

104
Poniamo ancor, che, come a voi pur pare,
io donna sia (che non però il concedo),
ma che la mia beltà non fosse pare
a quella di costei; non però credo
che mi vorreste la mercé levare
di mia virtù, se ben di viso io cedo.
Perder per men beltà giusto non parmi
quel c’ho acquistato per virtù con l’armi.

105
E quando ancor fosse l’usanza tale,
che chi perde in beltà ne dovesse ire,
io ci vorrei restare, o bene o male
che la mia ostinazion dovesse uscire.
Per questo, che contesa diseguale
è tra me e questa donna, vo’ inferire
che, contendendo di beltà, può assai
perdere, e meco guadagnar non mai.

106
E se guadagni e perdite non sono
in tutto pari, ingiusto è ogni partito:
sì ch’a lei per ragion, sì ancor per dono
spezial, non sia l’albergo proibito.
E s’alcuno di dir che non sia buono
e dritto il mio giudizio sarà ardito,
sarò per sostenergli a suo piacere,
che ‘l mio sia vero, e falso il suo parere. –

107
La figliuola d’Amon, mossa a pietade
che questa gentil donna debba a torto
esser cacciata ove la pioggia cade,
ove né tetto, ove né pure è un sporto,
al signor de l’albergo persuade
con ragion molte e con parlare accorto,
ma molto più con quel ch’al fin concluse,
che resti cheto e accetti le sue scuse.

108
Qual sotto il più cocente ardore estivo,
quando di ber più desiosa è l’erba,
il fior ch’era vicino a restar privo
di tutto quell’umor ch’in vita il serba,
sente l’amata pioggia e si fa vivo;
così, poi che difesa sì superba
si vide apparecchiar la messaggera,
lieta e bella tornò come prim’era.

109
La cena, stata lor buon pezzo avante,
né ancor pur tocca, al fin godersi in festa,
senza che più di cavalliero errante
nuova venuta fosse lor molesta.
La goder gli altri, ma non Bradamante,
pure all’usanza addolorata e mesta;
che quel timor, che quel sospetto ingiusto
che sempre avea nel cor, le tollea il gusto.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web