Footer menù

Testo del canto 32 (XXXII) del poema Orlando Furioso

1
Soviemmi che cantar io vi dovea
(già lo promisi, e poi m’uscì di mente)
d’una sospizion che fatto avea
la bella donna di Ruggier dolente,
de l’altra più spiacevole e più rea,
e di più acuto e venenoso dente,
che per quel ch’ella udì da Ricciardetto,
a devorare il cor l’entrò nel petto.

2
Dovea cantarne, ed altro incominciai,
perché Rinaldo in mezzo sopravenne;
e poi Guidon mi diè che fare assai,
che tra camino a bada un pezzo il tenne.
D’una cosa in un’altra in modo entrai,
che mal di Bradamante mi sovenne:
sovienmene ora, e vo’ narrarne inanti
che di Rinaldo e di Gradasso io canti.

3
Ma bisogna anco, prima ch’io ne parli,
che d’Agramante io vi ragioni un poco,
ch’avea ridutte le reliquie in Arli,
che gli restar del gran notturno fuoco,
quando a raccor lo sparso campo e a darli
soccorso e vettovaglie era atto il loco:
l’Africa incontra, e la Spagna ha vicina,
ed è in sul fiume assiso alla marina.

4
Per tutto ‘l regno fa scriver Marsilio
gente a piedi e a cavallo, e trista e buona.
Per forza e per amore ogni navilio
atto a battaglia s’arma in Barcelona.
Agramante ogni dì chiama a concilio;
né a spesa né a fatica si perdona.
Intanto gravi esazioni e spesse
tutte hanno le città d’Africa oppresse.

5
Egli ha fatto offerire a Rodomonte,
perché ritorni (ed impetrar nol puote),
una cugina sua, figlia d’Almonte,
e ‘l bel regno d’Oran dargli per dote.
Non si volse l’altier muover dal ponte,
ove tant’arme e tante selle vote
di quei che son già capitati al passo
ha ragunate, che ne cuopre il sasso.

6
Già non volse Marfisa imitar l’atto
di Rodomonte: anzi com’ella intese
ch’Agramante da Carlo era disfatto,
sue genti morte, saccheggiate e prese,
e che con pochi in Arli era ritratto,
senza aspettare invito, il camin prese:
venne in aiuto de la sua corona,
e l’aver gli proferse e la persona.

7
E gli menò Brunello, e gli ne fece
libero dono, il qual non avea offeso:
l’avea tenuto dieci giorni e diece
notti sempre in timor d’essere appeso;
e poi che né con forza né con prece
da nessun vide il patrocinio preso,
in sì sprezzato sangue non si volse
bruttar l’altiere mani, e lo disciolse.

8
Tutte l’antique ingiurie gli remesse,
e seco in Arli ad Agramante il trasse.
Ben dovete pensar che gaudio avesse
il re di lei ch’ad aiutarlo andasse:
e del gran conto ch’egli ne facesse,
volse che Brunel prova le mostrasse;
che quel di ch’ella gli avea fatto cenno,
di volerlo impiccar, fe’ da buon senno.

9
Il manigoldo, in loco inculto ed ermo,
pasto di corvi e d’avoltoi lasciollo.
Ruggier ch’un’altra volta gli fu schermo,
e che ‘l laccio gli avria tolto dal collo,
la giustizia di Dio fa ch’ora infermo
s’è ritrovato, ed aiutar non puollo:
e quando il seppe, era già il fatto occorso;
sì che restò Brunel senza soccorso.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!