Footer menù

Testo del canto 31 (XXXI) del poema Orlando Furioso

60
ch’ella più giorni per sì lunga via
cercato avea per tutta Francia invano.
Quivi all’insegne che portar solia,
fu da lei conosciuto di lontano.
Come lei Brandimarte vide pria,
lasciò la guerra, e tornò tutto umano,
e corse ad abbracciarla; e d’amor pieno,
mille volte baciolla o poco meno.

61
De le lor donne e de le lor donzelle
si fidar molto a quella antica etade.
Senz’altra scorta andar lasciano quelle
per piani e monti e per strane contrade;
ed al ritorno l’han per buone e belle,
né mai tra lor suspizione accade.
Fiordiligi narrò quivi al suo amante,
che fatto stolto era il signor d’Anglante.

62
Brandimarte sì strana e ria novella
credere ad altri a pena avria potuto;
ma lo credette a Fiordiligi bella,
a cui già maggior cose avea creduto.
Non pur d’averlo udito gli dice ella,
ma che con gli occhi propri l’ha veduto
(c’ha conoscenza e pratica d’Orlando,
quanto alcun altro), e dice dove e quando

63
E gli narra del ponte periglioso,
che Rodomonte ai cavallier difende,
ove un sepolcro adorna e fa pomposo
di sopraveste e d’arme di chi prende.
Narra c’ha visto Orlando furioso
far cose quivi orribili e stupende;
che nel fiume il pagan mandò riverso,
con gran periglio di restar summerso.

64
Brandimarte, che ‘l conte amava quanto
si può compagno amar, fratello o figlio,
disposto di cercarlo, e di far tanto,
non ricusando affanno né periglio,
che per opra di medico o d’incanto
si ponga a quel furor qualche consiglio,
così come trovossi armato in sella,
si mise in via con la sua donna bella.

65
Verso la parte ove la donna il conte
avea veduto, il lor camin drizzaro,
di giornata in giornata, fin ch’al ponte
che guarda il re d’Algier, si ritrovaro.
La guardia ne fe’ segno a Rodomonte;
e gli scudieri a un tempo gli arrecaro
l’arme e il cavallo: e quel si trovò in punto,
quando fu Brandimarte al passo giunto.

66
Con voce qual conviene al suo furore
il Saracino a Brandimarte grida:
– Qualunque tu ti sia, che, per errore
di via o di mente, qui tua sorte guida,
scendi e spogliati l’arme, e fanne onore
al gran sepolcro, inanzi ch’io t’uccida,
e che vittima all’ombre tu sia offerto:
ch’io ‘l farò poi, né te n’avrò alcun merto. –

67
Non volse Brandimarte a quell’altiero
altra risposta dar, che de la lancia.
Sprona Batoldo, il suo gentil destriero,
e inverso quel con tanto ardir si lancia,
che mostra che può star d’animo fiero
con qual si voglia al mondo alla bilancia:
e Rodomonte, con la lancia in resta,
lo stretto ponte a tutta briglia pesta.

68
Il suo destrier ch’avea continuo uso
d’andarvi sopra, e far di quel sovente
quando uno e quando un altro cader giuso,
alla giostra correa sicuramente;
l’altro, del corso insolito confuso,
venìa dubbioso, timido e tremente.
Trema anco il ponte, e par cader ne l’onda,
oltre che stretto e che sia senza sponda.

69
I cavallier, di giostra ambi maestri,
che le lance avean grosse come travi,
tali qual fur nei lor ceppi silvestri,
si dieron colpi non troppo soavi.
Ai lor cavalli esser possenti e destri
non giovò molto agli aspri colpi e gravi;
che si versar di pari ambi sul ponte,
e seco i signor lor tutti in un monte.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web