Footer menù

Testo del canto 31 (XXXI) del poema Orlando Furioso

20
E quivi s’incomincia una battaglia
di ch’altra mai non fu più fiera in vista.
Non crede l’un che tanto l’altro vaglia,
che troppo lungamente gli resista.
Ma poi che ‘l paragon ben gli ragguaglia,
né l’un de l’altro più s’allegra o attrista,
pongon l’orgoglio ed il furor da parte,
ed al vantaggio loro usano ogn’arte.

21
S’odon lor colpi dispietati e crudi
intorno rimbombar con suono orrendo,
ora i canti levando a’ grossi scudi,
schiodando or piastre, e quando maglie aprendo.
Né qui bisogna tanto che si studi
a ben ferir, quanto a parar, volendo
star l’uno a l’altro par; ch’eterno danno
lor può causar il primo error che fanno.

22
Durò l’assalto un’ora e più che ‘l mezzo
d’un’altra; ed era il sol già sotto l’onde,
ed era sparso il tenebroso rezzo
de l’orizzon fin all’estreme sponde;
né riposato o fatto altro intermezzo
aveano alle percosse furibonde
questi guerrier, che non ira o rancore,
ma tratto all’arme avea disio d’onore.

23
Rivolve tuttavia tra sé Rinaldo
chi sia l’estrano cavallier sì forte,
che non pur gli sta contra ardito e saldo,
ma spesso il mena a risco de la morte;
e già tanto travaglio e tanto caldo
gli ha posto, che del fin dubita forte:
e volentier, se con suo onor potesse,
vorria che quella pugna rimanesse.

24
Da l’altra parte il cavallier estrano,
che similmente non avea notizia
che quel fosse il signor di Montalbano,
quel sì famoso in tutta la milizia,
che gli avea incontra con la spada in mano
condotto così poca nimicizia,
era certo che d’uom di più eccellenza
non potesson dar l’arme esperienza.

25
Vorrebbe de l’impresa esser digiuno,
ch’avea di vendicare il suo cavallo;
e se potesse senza biasmo alcuno,
si trarria fuor del periglioso ballo.
Il mondo era già tanto oscuro e bruno,
che tutti i colpi quasi ivano in fallo.
Poco ferire e men parar sapeano,
ch’a pena in man le spade si vedeano.

26
Fu quel da Montalbano il primo a dire
che far battaglia non denno allo scuro,
ma quella indugiar tanto e differire,
ch’avesse dato volta il pigro Arturo;
e che può intanto al padiglion venire,
ove di sé non sarà men sicuro,
ma servito, onorato e ben veduto,
quanto in loco ove mai fosse venuto.

27
Non bisognò a Rinaldo pregar molto,
che ‘l cortese baron tenne lo ‘nvito.
Ne vanno insieme ove il drappel raccolto
di Montalbano era in sicuro sito.
Rinaldo al suo scudiero avea già tolto
un bel cavallo e molto ben guernito,
a spada e a lancia e ad ogni prova buono,
ed a quel cavallier fattone dono.

28
Il guerrier peregrin conobbe quello
esser Rinaldo, che venìa con esso;
che prima che giungessero all’ostello,
venuto a caso era a nomar se stesso:
e perché l’un de l’altro era fratello,
si sentìr dentro di dolcezza oppresso,
e di pietoso affetto tocco il core;
e lacrimar per gaudio e per amore.

29
Questo guerriero era Guidon selvaggio,
che dianzi con Marfisa e Sansonetto
e’ figli d’Olivier molto viaggio
avea fatto per mar, come v’ho detto.
Di non veder più tosto il suo lignaggio
il fellon Pinabel gli avea interdetto,
avendol preso e a bada poi tenuto
alla difesa del suo rio statuto.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web