Footer menù

Testo del canto 31 (XXXI) del poema Orlando Furioso

100
Ma ben ti priego che prima che sia
pugna tra noi, che pianamente intenda
la giustissima e vera scusa mia,
acciò ch’a torto più non mi riprenda;
e poi Baiardo al termine di pria
tra noi vorrò ch’a piedi si contenda
da solo a solo in solitario lato,
sì come a punto fu da te ordinato. –

101
Era cortese il re di Sericana,
come ogni cor magnanimo esser suole;
ed è contento udir la cosa piana,
e come il paladin scusar si vuole.
Con lui ne viene in ripa alla fiumana,
ove Rinaldo in semplici parole
alla sua vera istoria trasse il velo,
e chiamò in testimonio tutto ‘l cielo:

102
e poi chiamar fece il figliuol di Buovo,
l’uom che di questo era informato a pieno,
ch’a parte a parte replicò di nuovo
l’incanto suo, né disse più né meno.
Soggiunse poi Rinaldo: – Ciò ch’io provo
col testimonio, io vo’ che l’arme sieno,
che ora e in ogni tempo che ti piace,
te n’abbiano a far prova più verace. –

103
Il re Gradasso, che lasciar non volle
per la seconda la querela prima,
le scuse di Rinaldo in pace tolle,
ma se son vere o false in dubbio stima.
Non tolgon campo più sul lito molle
di Barcelona, ove lo tolser prima;
ma s’accordaro per l’altra matina
trovarsi a una fontana indi vicina:

104
ove Rinaldo seco abbia il cavallo,
che posto sia communemente in mezzo:
se ‘l re uccide Rinaldo o il fa vassallo,
se ne pigli il destrier senz’altro mezzo,
ma se Gradasso è quel che faccia fallo,
che sia condotto all’ultimo ribrezzo,
o, per più non poter, che gli si renda,
da lui Rinaldo Durindana prenda.

105
Con maraviglia molta e più dolore
(come v’ho detto) avea Rinaldo udito
da Fiordiligi bella, ch’era fuore
de l’intelletto il suo cugino uscito.
Avea de l’arme inteso anco il tenore,
e del litigio che n’era seguito;
e ch’in somma Gradasso avea quel brando
ch’ornò di mille e mille palme Orlando.

106
Poi che furon d’accordo, ritornosse
il re Gradasso ai servitori sui
ben che dal paladin pregato fosse
che ne venisse ad alloggiar con lui.
Come fu giorno, il re pagano armosse;
così Rinaldo: e giunsero ambedui
ove dovea non lungi alla fontana
combattersi Baiardo e Durindana.

107
De la battaglia che Rinaldo avere
con Gradasso dovea da solo a solo,
parean gli amici suoi tutti temere,
e inanzi il caso ne faceano il duolo.
Molto ardir, molta forza, alto sapere
avea Gradasso; ed or che del figliuolo
del gran Milone avea la spada al fianco,
di timor per Rinaldo era ognun bianco.

108
E più degli altri il frate di Viviano
stava di questa pugna in dubbio e in tema,
ed anco volentier vi porria mano
per farla rimaner d’effetto scema:
ma non vorria che quel da Montalbano
seco venisse a inimicizia estrema;
ch’anco avea di quell’altra seco sdegno,
che gli turbò, quando il levò sul legno.

109
Ma stiano gli altri in dubbio, in tema, in doglia:
Rinaldo se ne va lieto e sicuro,
sperando ch’ora il biasmo se gli toglia,
ch’avere a torto gli parea pur duro;
sì che quei da Pontieri e d’Altafoglia
faccia cheti restar, come mai furo.
Va con baldanza e sicurtà di core
di riportarne il trionfale onore.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web