Footer menù

Testo del canto 31 (XXXI) del poema Orlando Furioso

90
anzi, come egli sente che ‘l signore
di Montalbano è questo che gli assalta,
gioisce di tal iubilo nel core,
che qua e là per allegrezza salta.
Loda e ringrazia il suo sommo Fattore,
che quella notte gli occorra tant’alta
e sì rara aventura d’acquistare
Baiardo, quel destrier che non ha pare.

91
Avea quel re gran tempo desiato
(credo ch’altrove voi l’abbiate letto)
d’aver la buona Durindana a lato,
e cavalcar quel corridor perfetto.
E già con più di centomila armato
era venuto in Francia a questo effetto;
e con Rinaldo già sfidato s’era
per quel cavallo alla battaglia fiera;

92
e sul lito del mar s’era condutto
ove dovea la pugna diffinire:
ma Malagigi a turbar venne il tutto,
che fe’ il cugin, mal grado suo, partire,
avendol sopra un legno in mar ridutto.
Lungo saria tutta l’istoria dire.
Da indi in qua stimò timido e vile
sempre Gradasso il paladin gentile.

93
Or che Gradasso esser Rinaldo intende
costui ch’assale il campo, se n’allegra.
Si veste l’arme, e la sua alfana prende,
e cercando lo va per l’aria negra:
e quanti ne riscontra, a terra stende;
ed in confuso lascia afflitta ed egra
la gente, o sia di Libia o sia di Francia:
tutti li mena a un par la buona lancia.

94
Lo va di qua di là tanto cercando,
chiamando spesso e quanto può più forte,
e sempre a quella parte declinando,
ove più folte son le genti morte,
ch’al fin s’incontra in lui brando per brando
poi che le lance loro ad una sorte
eran salite in mille schegge rotte
sin al carro stellato de la Notte.

95
Quando Gradasso il paladin gagliardo
conosce, e non perché ne vegga insegna,
ma per gli orrendi colpi e per Baiardo,
che par che sol tutto quel campo tegna;
non è, gridando, a improverargli tardo
la prova che di sé fece non degna:
ch’al dato campo il giorno non comparse,
che tra lor la battaglia dovea farse.

96
Suggiunse poi: – Tu forse avevi speme,
se potevi nasconderti quel punto,
che non mai più per raccozzarci insieme
fossimo al mondo: or vedi ch’io t’ho giunto.
Sie certo, se tu andassi ne l’estreme
fosse di Stige, o fossi in cielo assunto,
ti seguirò, quando abbi il destrier teco,
ne l’alta luce e giù nel mondo cieco.

97
Se d’aver meco a far non ti dà il core,
e vedi già che non puoi starmi a paro,
e più stimi la vita che l’onore,
senza periglio ci puoi far riparo,
quando mi lasci in pace il corridore;
e viver puoi, se sì t’è il viver caro:
ma vivi a piè, che non merti cavallo,
s’alla cavalleria fai sì gran fallo. –

98
A quel parlar si ritrovò presente
con Ricciardetto il cavallier Selvaggio;
e le Spade ambi trassero ugualmente,
per far parere il Serican mal saggio.
Ma Rinaldo s’oppose immantinente,
e non patì che se gli fêsse oltraggio,
dicendo: – Senza voi dunque non sono
a chi m’oltraggia per risponder buono? –

99
Poi se ne ritornò verso il pagano,
e disse: – Odi, Gradasso; io voglio farte,
e tu m’ascolti, manifesto e piano
ch’io venni alla marina a ritrovarte:
e poi ti sosterrò con l’arme in mano,
che t’avrò detto il vero in ogni parte;
e sempre che tu dica mentirai,
ch’alla cavalleria mancass’io mai.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web