Footer menù

Testo del canto 30 (XXX) del poema Orlando Furioso

30
Cinque o sei mesi il singular certame,
o meno o più, si differisca, tanto
che cacciato abbin Carlo del reame,
tolto lo scettro, la corona e il manto.
Ma l’un e l’altro, ancor che voglia e brame
il re ubbidir, pur sta duro da canto;
che tale accordo obbrobrioso stima
a chi ‘l consenso suo vi darà prima,

31
Ma più del re, ma più d’ognun ch’invano
spenda a placare il Tartaro parole,
la bella figlia del re Stordilano
supplice il priega, e si lamenta e duole:
lo prega che consenta al re africano
e voglia quel che tutto il campo vuole;
si lamenta e si duol che per lui sia
timida sempre e piena d’angonia.

32
– Lassa! (dicea) che ritrovar poss’io
rimedio mai ch’a riposar mi vaglia,
s’or contra questo, or quel, nuovo disio
vi trarrà sempre a vestir piastra e maglia?
C’ha potuto giovare al petto mio
il gaudio che sia spenta la battaglia
per me da voi contra quell’altro presa,
se un’altra non minor se n’è già accesa?

33
Ohimè! ch’invano i’ me n’andava altiera
ch’un re sì degno, un cavallier sì forte
per me volesse in perigliosa e fiera
battaglia porsi al risco de la morte;
ch’or veggo per cagion tanto leggiera
non meno esporvi alla medesma sorte.
Fu natural ferocità di core
ch’a quella v’istigò, più che ‘l mio amore.

34
Ma se gli è ver che ‘l vostro amor sia quello
che vi sforzate di mostrarmi ognora,
per lui vi prego, e per quel gran flagello
che mi percuote l’alma e che m’accora,
che non vi caglia se ‘l candido augello
ha ne lo scudo quel Ruggiero ancora.
Utile o danno a voi non so ch’importi,
che lasci quella insegna o che la porti.

35
Poco guadagno, e perdita uscir molta
de la battaglia può, che per far sète:
quando abbiate a Ruggier l’aquila tolta,
poca mercé d’un gran travaglio avrete;
ma se Fortuna le spalle vi volta
(che non però nel crin presa tenete),
causate un danno, ch’a pensarvi solo
mi sento il petto già sparrar di duolo.

36
Quando la vita a voi per voi non sia
cara, e più amate un’aquila dipinta,
vi sia almen cara per la vita mia:
non sarà l’una senza l’altra estinta.
Non già morir con voi grave mi fia:
son di seguirvi in vita e in morte accinta;
ma non vorrei morir sì malcontenta
come io morrò, se dopo voi son spenta. –

37
Con tai parole e simili altre assai,
che le lacrime accompagnano e sospiri,
pregar non cessa tutta notte mai
perch’alla pace il suo amator ritiri;
e quel, suggendo dagli umidi rai
quel dolce pianto, e quei dolci martiri
da le vermiglie labra più che rose,
lacrimando egli ancor, così rispose:

38
– Deh, vita mia, non vi mettete affanno,
deh non, per Dio, di così lieve cosa;
che se Carlo e ‘l re d’Africa, e ciò c’hanno
qui di gente moresca e di franciosa,
spiegasson le bandiere in mio sol danno,
voi pur non ne dovreste esser pensosa.
Ben mi mostrate in poco conto avere,
se per me un Ruggier sol vi fa temere.

39
E vi dovria pur ramentar che, solo
(e spada io non avea né scimitarra),
con un troncon di lancia a un grosso stuolo
d’armati cavallier tolsi la sbarra.
Gradasso, ancor che con vergogna e duolo
lo dica, pure, a chi ‘l domanda, narra
che fu in Soria a un castel mio prigioniero;
ed è pur d’altra fama che Ruggiero.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web