Footer menù

Testo del canto 30 (XXX) del poema Orlando Furioso

20
Ruggier non vuol ch’in altra pugna vada
con lo suo scudo; né Gradasso vuole
che, fuor che contra sé porti la spada
che ‘l glorioso Orlando portar suole.
– Al fin veggiamo in cui la sorte cada
(disse Agramante), e non sian più parole;
veggiàn quel che Fortuna ne disponga,
e sia preposto quel ch’ella preponga.

21
E se compiacer meglio mi volete,
onde d’aver ve n’abbia obligo ognora,
chi de’ di voi combatter, sortirete;
ma con patto, ch’al primo ch’esca fuora,
amendue le querele in man porrete:
sì che, per sé vincendo, vinca ancora
pel compagno; e perdendo l’un di vui,
così perduto abbia per ambidui.

22
Tra Gradasso e Ruggier credo che sia
di valor nulla o poca differenza;
e di lor qual si vuol venga fuor pria,
so ch’in arme farà per eccellenza.
Poi la vittoria da quel canto stia,
che vorrà la divina providenza.
Il cavallier non avrà colpa alcuna,
ma il tutto imputerassi alla Fortuna. –

23
Steron taciti al detto d’Agramante
e Ruggiero e Gradasso; ed accordarsi
che qualunque di loro uscirà inante,
e l’una briga e l’altra abbia a pigliarsi.
Così in duo brevi, ch’avean simigliante
ed ugual forma, i nomi lor notarsi;
e dentro un’urna quelli hanno rinchiusi,
versati molto, e sozzopra confusi.

24
Un semplice fanciul nell’urna messe
la mano, e prese un breve; e venne a caso
ch’in questo il nome di Ruggier si lesse,
essendo quel del Serican rimaso.
Non si può dir quanta allegrezza avesse,
quando Ruggier si sentì trar del vaso,
e d’altra parte il Sericano doglia;
ma quel che manda il ciel, forza è che toglia.

25
Ogni suo studio il Sericano, ogni opra
a favorire, ad aiutar converte
perché Ruggiero abbia a restar di sopra:
e le cose in suo pro, ch’avea già esperte,
come or di spada, or di scudo si cuopra,
qual sien botte fallaci e qual sien certe,
quando tentar, quando schivar fortuna
si dee, gli torna a mente ad una ad una.

26
Il resto di quel dì, che da l’accordo
e dal trar de le sorti sopravanza,
è speso dagli amici in dar ricordo,
chi a l’un guerrier chi all’altro, come è usanza.
Il popul, di veder la pugna ingordo,
s’affretta a gara d’occupar la stanza:
né basta a molti inanzi giorno andarvi,
che voglion tutta notte anco veggiarvi.

27
La sciocca turba disiosa attende
ch’i duo buon cavallier vengano in prova;
che non mira più lungi né comprende
di quel ch’inanzi agli occhi si ritrova.
Ma Sobrino e Marsilio, e chi più intende
e vede ciò che nuoce e ciò che giova,
biasma questa battaglia, ed Agramante,
che voglia comportar che vada inante.

28
Né cessan raccordargli il grave danno
che n’ha d’avere il popul saracino,
muora Ruggiero o il tartaro tiranno,
quel che prefisso è dal suo fier destino:
d’un sol di lor via più bisogno avranno
per contrastare al figlio di Pipino,
che di dieci altri mila che ci sono,
tra’ quai fatica è ritrovare un buono.

29
Conosce il re Agramante che gli è vero,
ma non può più negar ciò c’ha promesso.
Ben prega Mandricardo e il buon Ruggiero,
che gli ridonin quel c’ha lor concesso;
e tanto più che ‘l lor litigio è un zero,
né degno in prova d’arme esser rimesso:
e s’in ciò pur nol vogliono ubbidire,
voglino almen la pugna differire.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web