Footer menù

Testo del canto 30 (XXX) del poema Orlando Furioso

1
Quando vincer da l’impeto e da l’ira
si lascia la ragion, né si difende,
e che ‘l cieco furor sì inanzi tira
o mano o lingua, che gli amici offende;
se ben dipoi si piange e si sospira,
non è per questo che l’error s’emende.
Lasso! io mi doglio e affliggo invan di quanto
dissi per ira al fin de l’altro canto.

2
Ma simile son fatto ad uno infermo,
che dopo molta pazienza e molta,
quando contra il dolor non ha più schermo,
cede alla rabbia e a bestemmiar si volta.
Manca il dolor, né l’impeto sta fermo,
che la lingua al dir mal facea sì sciolta;
e si ravvede e pente e n’ha dispetto:
ma quel c’ha detto, non può far non detto.

3
Ben spero, donne, in vostra cortesia
aver da voi perdon, poi ch’io vel chieggio.
Voi scusarete, che per frenesia,
vinto da l’aspra passion, vaneggio.
Date la colpa alla nimica mia,
che mi fa star, ch’io non potrei star peggio,
e mi fa dir quel di ch’io son poi gramo:
sallo Idio, s’ella ha il torto; essa, s’io l’amo.

4
Non men son fuor di me, che fosse Orlando;
e non son men di lui di scusa degno,
ch’or per li monti, or per le piagge errando,
scorse in gran parte di Marsilio il regno,
molti dì la cavalla strascinando
morta, come era, senza alcun ritegno;
ma giunto ove un gran fiume entra nel mare,
gli fu forza il cadavero lasciare.

5
E perché sa nuotar come una lontra,
entra nel fiume, e surge all’altra riva.
Ecco un pastor sopra un cavallo incontra,
che per abeverarlo al fiume arriva.
Colui, ben che gli vada Orlando incontra,
perché egli è solo e nudo, non lo schiva.
– Vorrei del tuo ronzin (gli disse il matto)
con la giumenta mia far un baratto.

6
Io te la mostrerò di qui, se vuoi;
che morta là su l’altra ripa giace:
la potrai far tu medicar dipoi;
altro diffetto in lei non mi dispiace.
Con qualche aggiunta il ronzin dar mi puoi:
smontane in cortesia, perché mi piace. –
Il pastor ride, e senz’altra risposta
va verso il guado, e dal pazzo si scosta.

7
– Io voglio il tuo cavallo: olà non odi? –
suggiunse Orlando, e con furor si mosse.
Avea un baston con nodi spessi e sodi
quel pastor seco, e il paladin percosse.
La rabbia e l’ira passò tutti i modi
del conte; e parve fier più che mai fosse.
Sul capo del pastore un pugno serra,
che spezza l’osso, e morto il caccia in terra.

8
Salta a cavallo, e per diversa strada
va discorrendo, e molti pone a sacco.
Non gusta il ronzin mai fieno né biada,
tanto ch’in pochi dì ne riman fiacco:
ma non però ch’Orlando a piedi vada,
che di vetture vuol vivere a macco;
e quante ne trovò, tante ne mise
in uso, poi che i lor patroni uccise.

9
Capitò al fin a Malega, e più danno
vi fece, ch’egli avesse altrove fatto:
che oltre che ponesse a saccomanno
il popul sì, che ne restò disfatto,
né si poté rifar quel né l’altr’anno;
tanti n’uccise il periglioso matto,
vi spianò tante case e tante accese,
che disfe’ più che ‘l terzo del paese.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!