Footer menù

Testo del canto 24 (XXIV) del poema Orlando Furioso

60
Zerbino a lui gridava: – Non la torre,
o pensa non l’aver senza questione.
Se togliesti così l’arme d’Ettorre,
tu l’hai di furto, più che di ragione. –
Senz’altro dir l’un sopra l’altro corre,
d’animo e di virtù gran paragone.
Di cento colpi già rimbomba il suono,
né bene ancor ne la battaglia sono.

61
Di prestezza Zerbin pare una fiamma
a torsi ovunque Durindana cada:
di qua di là saltar come una damma
fa ‘l suo destrier dove è miglior la strada.
E ben convien che non ne perda dramma;
ch’andrà, s’un tratto il coglie quella spada,
a ritrovar gl’innamorati spirti
ch’empion la selva degli ombrosi mirti.

62
Come il veloce can che ‘l porco assalta
che fuor del gregge errar vegga nei campi,
lo va aggirando, e quinci e quindi salta;
ma quello attende ch’una volta inciampi:
così, se vien la spada o bassa od alta,
sta mirando Zerbin come ne scampi;
come la vita e l’onor salvi a un tempo,
tien sempre l’occhio, e fiere e fugge a tempo.

63
Da l’altra parte, ovunque il Saracino
la fiera spada vibra o piena o vota,
sembra fra due montagne un vento alpino
ch’una frondosa selva il marzo scuota;
ch’ora la caccia a terra a capo chino,
or gli spezzati rami in aria ruota.
Ben che Zerbin più colpi e fùggia e schivi,
non può schivare al fin, ch’un non gli arrivi.

64
Non può schivare al fine un gran fendente
che tra ‘l brando e lo scudo entra sul petto.
Grosso l’usbergo, e grossa parimente
era la piastra, e ‘l panziron perfetto:
pur non gli steron contra, ed ugualmente
alla spada crudel dieron ricetto.
Quella calò tagliando ciò che prese,
la corazza e l’arcion fin su l’arnese.

65
E se non che fu scarso il colpo alquanto,
permezzo lo fendea come una canna;
ma penetra nel vivo a pena tanto,
che poco più che la pelle gli danna:
la non profunda piaga è lunga quanto
non si misureria con una spanna.
Le lucid’arme il caldo sangue irriga
per sino al piè di rubiconda riga.

66
Così talora un bel purpureo nastro
ho veduto partir tela d’argento
da quella bianca man più ch’alabastro,
da cui partire il cor spesso mi sento.
Quivi poco a Zerbin vale esser mastro
di guerra, ed aver forza e più ardimento;
che di finezza d’arme e di possanza
il re di Tartaria troppo l’avanza.

67
Fu questo colpo del pagan maggiore
in apparenza, che fosse in effetto;
tal ch’Issabella se ne sente il core
fendere in mezzo all’agghiacciato petto.
Zerbin pien d’ardimento e di valore
tutto s’infiamma d’ira e di dispetto;
e quanto più ferire a due man puote,
in mezzo l’elmo il Tartaro percuote.

68
Quasi sul collo del destrier piegosse
per l’aspra botta il Saracin superbo;
e quando l’elmo senza incanto fosse,
partito il capo gli avria il colpo acerbo.
Con poco differir ben vendicosse,
né disse: A un’altra volta io te la serbo:
e la spada gli alzò verso l’elmetto,
sperandosi tagliarlo infin al petto.

69
Zerbin che tenea l’occhio ove la mente,
presto il cavallo alla man destra volse;
non sì presto però, che la tagliente
spada fuggisse, che lo scudo colse.
Da sommo ad imo ella il partì ugualmente,
e di sotto il braccial roppe e disciolse
e lui ferì nel braccio, e poi l’arnese
spezzògli, e ne la coscia anco gli scese.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web