Footer menù

Testo del canto 24 (XXIV) del poema Orlando Furioso

30
Il disleal con le ginocchia in terra
lasciò cadersi, e disse: – Signor mio,
ognun che vive al mondo pecca ed erra:
né differisce in altro il buon dal rio,
se non che l’uno è vinto ad ogni guerra
che gli vien mossa da un piccol disio;
l’altro ricorre all’arme e si difende,
ma se ‘l nimico è forte, anco ei si rende.

31
Se tu m’avessi posto alla difesa
d’una tua rocca, e ch’al primiero assalto
alzate avessi, senza far contesa,
degl’inimici le bandiere in alto;
di viltà, o tradimento, che più pesa,
sugli occhi por mi si potria uno smalto:
ma s’io cedessi a forza, son ben certo
che biasmo non avrei, ma gloria e merto.

32
Sempre che l’inimico è più possente,
più chi perde accettabile ha la scusa.
Mia fé guardar dovea non altrimente
ch’una fortezza d’ogn’intorno chiusa:
così, con quanto senno e quanta mente
da la somma Prudenza m’era infusa,
io mi sforzai guardarla; ma al fin vinto
da intolerando assalto, ne fui spinto. –

33
Così disse Odorico, e poi soggiunse
(che saria lungo a ricontarvi il tutto)
mostrando che gran stimolo lo punse,
e non per lieve sferza s’era indutto.
Se mai per prieghi ira di cor si emunse,
s’umiltà di parlar fece mai frutto,
quivi far lo dovea; che ciò che muova
di cor durezza, ora Odorico trova.

34
Pigliar di tanta ingiuria alta vendetta,
tra il sì Zerbino e il no resta confuso:
il vedere il demerito lo alletta
a far che sia il fellon di vita escluso;
il ricordarsi l’amicizia stretta
ch’era stata tra lor per sì lungo uso,
con l’acqua di pietà l’accesa rabbia
nel cor gli spegne, e vuol che mercé n’abbia.

35
Mentre stava così Zerbino in forse
di liberare, o di menar captivo,
o pur il disleal dagli occhi torse
per morte, o pur tenerlo in pena vivo;
quivi rignando il palafreno corse,
che Mandricardo avea di briglia privo;
e vi portò la vecchia che vicino
a morte dianzi avea tratto Zerbino.

36
Il palafren, ch’udito di lontano
avea quest’altri, era tra lor venuto,
e la vecchia portatavi, ch’invano
venìa piangendo e domandando aiuto.
Come Zerbin lei vide, alzò la mano
al ciel che sì benigno gli era suto,
che datogli in arbitrio avea que’ dui
che soli odiati esser dovean da lui.

37
Zerbin fa ritener la mala vecchia,
tanto che pensi quel che debba farne:
tagliarle il naso e l’una e l’altra orecchia
pensa, ed esempio a’ malfattori darne;
poi gli par assai meglio, s’apparecchia
un pasto agli avoltoi di quella carne.
Punizion diversa tra sé volve;
e così finalmente si risolve.

38
Si rivolta ai compagni, e dice: – Io sono
di lasciar vivo il disleal contento;
che s’in tutto non merita perdono,
non merita anco sì crudel tormento.
Che viva e che slegato sia gli dono,
però ch’esser d’Amor la colpa sento;
e facilmente ogni scusa s’ammette,
quando in Amor la colpa si reflette.

39
Amore ha volto sottosopra spesso
senno più saldo che non ha costui,
ed ha condotto a via maggiore eccesso
di questo, ch’oltraggiato ha tutti nui.
Ad Odorico debbe esser rimesso:
punito esser debbo io, che cieco fui,
cieco a dargline impresa, e non por mente
che ‘l fuoco arde la paglia facilmente. –

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web