Footer menù

Testo del canto 22 (XXII) del poema Orlando Furioso

10
Or corre a destra, or a sinistra mano,
di qua di là, dove fortuna spinge,
e piglia terra al fin presso a Roano;
e come prima il dolce lito attinge,
fa rimetter la sella a Rabicano,
e tutto s’arma e la spada si cinge.
Prende il camino, ed ha seco quel corno
che gli val più che mille uomini intorno.

11
E giunse, traversando una foresta,
a piè d’un colle ad una chiara fonte,
ne l’ora che ‘l monton di pascer resta,
chiuso in capanna, o sotto un cavo monte.
E dal gran caldo e da la sete infesta
vinto, si trasse l’elmo da la fronte;
legò il destrier tra le più spesse fronde,
e poi venne per bere alle fresche onde.

12
Non avea messo ancor le labra in molle,
ch’un villanel che v’era ascoso appresso,
sbuca fuor d’una macchia, e il destrier tolle,
sopra vi sale, e se ne va con esso.
Astolfo il rumor sente, e’l capo estolle;
e poi che ‘l danno suo vede sì espresso,
lascia la fonte, e sazio senza bere,
gli va dietro correndo a più potere.

13
Quel ladro non si stende a tutto corso,
che dileguato si saria di botto;
ma or lentando or raccogliendo il morso,
se ne va di galoppo e di buon trotto.
Escon del bosco dopo un gran discorso;
e l’uno e l’altro al fin si fu ridotto
là dove tanti nobili baroni
eran senza prigion più che prigioni.

14
Dentro il palagio il villanel si caccia
con quel destrier che i venti al corso adegua.
Forza è ch’Astolfo, il qual lo scudo impaccia,
l’elmo e l’altr’arme, di lontan lo segua.
Pur giunge anch’egli, e tutta quella traccia
che fin qui avea seguita, si dilegua;
che più né Rabican né ‘l ladro vede,
e gira gli occhi, e indarno affretta il piede;

15
affretta il piede e va cercando invano
e le logge e le camere e le sale;
ma per trovare il perfido villano,
di sua fatica nulla si prevale.
Non sa dove abbia ascoso Rabicano,
quel suo veloce sopra ogni animale;
e senza frutto alcun tutto quel giorno
cercò di su di giù, dentro e d’intorno.

16
Confuso e lasso d’aggirarsi tanto,
s’avvide che quel loco era incantato;
e del libretto ch’avea sempre a canto,
che Logistilla in India gli avea dato,
acciò che, ricadendo in nuovo incanto,
potessi aitarsi, si fu ricordato:
all’indice ricorse, e vide tosto
a quante carte era il rimedio posto.

17
Del palazzo incantato era difuso
scritto nel libro; e v’eran scritti i modi
di fare il mago rimaner confuso,
e a tutti quei prigion di sciorre i nodi.
Sotto la soglia era uno spirto chiuso,
che facea questi inganni e queste frodi:
e levata la pietra ov’è sepolto,
per lui sarà il palazzo in fumo sciolto.

18
Desideroso di condurre a fine
il paladin sì gloriosa impresa,
non tarda più che ‘l braccio non inchine
a provar quanto il grave marmo pesa.
Come Atlante le man vede vicine
per far che l’arte sua sia vilipesa,
sospettoso di quel che può avvenire,
lo va con nuovi incanti ad assalire.

19
Lo fa con diaboliche sue larve
parer da quel diverso, che solea:
gigante ad altri, ad altri un villan parve,
ad altri un cavallier di faccia rea.
Ognuno in quella forma in che gli apparve
nel bosco il mago, il paladin vedea;
sì che per riaver quel che gli tolse
il mago, ognuno al paladin si volse.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web