Footer menù

Testo del canto 22 (XXII) del poema Orlando Furioso

90
Via se ne va Ruggier con faccia rossa
che, per vergogna, di levar non osa:
gli par ch’ognuno improverar gli possa
quella vittoria poco gloriosa.
– Ch’emenda poss’io fare, onde rimossa
mi sia una colpa tanto obbrobriosa?
che ciò ch’io vinsi mai, fu per favore,
diran, d’incanti, e non per mio valore. –

91
Mentre così pensando seco giva,
venne in quel che cercava a dar di cozzo;
che ‘n mezzo de la strada soprarriva
dove profondo era cavato un pozzo.
Quivi l’armento alla calda ora estiva
si ritraea, poi ch’avea pieno il gozzo.
Disse Ruggiero: – Or proveder bisogna,
che non mi facci, o scudo, più vergogna.

92
Più non starai tu meco; e questo sia
l’ultimo biasmo c’ho d’averne al mondo. –
Così dicendo, smonta ne la via:
piglia una grossa pietra e di gran pondo,
e la lega allo scudo, ed ambi invia
per l’alto pozzo a ritrovarne il fondo;
e dice: – Costà giù statti sepulto,
e teco stia sempre il mio obbrobrio occulto. –

93
Il pozzo è cavo, e pieno al sommo d’acque:
grieve è lo scudo, e quella pietra grieve.
Non si fermò fin che nel fondo giacque:
sopra si chiuse il liquor molle e lieve.
Il nobil atto e di splendor non tacque
la vaga Fama, e divulgollo in breve;
e di rumor n’empì, suonando il corno,
e Francia e Spagna e le province intorno.

94
Poi che di voce in voce si fe’ questa
strana aventura in tutto il mondo nota,
molti guerrier si missero all’inchiesta
e di parte vicina e di remota:
ma non sapean qual fosse la foresta
dove nel pozzo il sacro scudo nuota;
che la donna che fe’ l’atto palese,
dir mai non volse il pozzo né il paese.

95
Al partir che Ruggier fe’ dal castello,
dove avea vinto con poca battaglia;
che i quattro gran campion di Pinabello
fece restar come uomini di paglia;
tolto lo scudo, avea levato quello
lume che gli occhi e gli animi abbarbaglia:
e quei che giaciuti eran come morti,
pieni di meraviglia eran risorti.

96
Né per tutto quel giorno si favella
altro fra lor, che de lo strano caso,
e come fu che ciascun d’essi a quella
orribil luce vinto era rimaso.
Mentre parlan di questo, la novella
vien lor di Pinabel giunto all’occaso:
che Pinabello è morto hanno l’aviso,
ma non sanno però chi l’abbia ucciso.

97
L’ardita Bradamante in questo mezzo
giunto avea Pinabello a un passo stretto;
e cento volte gli avea fin a mezzo
messo il brando pei fianchi e per lo petto.
Tolto ch’ebbe dal mondo il puzzo e ‘l lezzo
che tutto intorno avea il paese infetto,
le spalle al bosco testimonio volse
con quel destrier che già il fellon le tolse.

98
Volse tornar dove lasciato avea
Ruggier; né seppe mai trovar la strada.
Or per valle or per monte s’avvolgea:
tutta quasi cercò quella contrada.
Non volse mai la sua fortuna rea,
che via trovasse onde a Ruggier si vada.
Questo altro canto ad ascoltare aspetto
chi de l’istoria mia prende diletto.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web