Footer menù

Testo del canto 22 (XXII) del poema Orlando Furioso

1
Cortesi donne e grate al vostro amante,
voi che d’un solo amor sète contente,
come che certo sia, fra tante e tante,
che rarissime siate in questa mente;
non vi dispiaccia quel ch’io dissi inante,
quando contra Gabrina fui sì ardente,
e s’ancor son per spendervi alcun verso,
di lei biasmando l’animo perverso.

2
Ella era tale; e come imposto fummi
da chi può in me, non preterisco il vero.
Per questo io non oscuro gli onor summi
d’una e d’un’altra ch’abbia il cor sincero.
Quel che ‘l Maestro suo per trenta nummi
diede a’ Iudei, non nocque a Ianni o a Piero;
né d’Ipermestra è la fama men bella,
se ben di tante inique era sorella.

3
Per una che biasmar cantando ardisco
(che l’ordinata istoria così vuole),
lodarne cento incontra m’offerisco,
e far lor virtù chiara più che ‘l sole.
Ma tornando al lavor che vario ordisco,
ch’a molti, lor mercé, grato esser suole,
del cavallier di Scozia io vi dicea,
ch’un alto grido appresso udito avea.

4
Fra due montagne entrò in un stretto calle
onde uscia il grido, e non fu molto inante,
che giunse dove in una chiusa valle
si vide un cavallier morto davante.
Chi sia dirò; ma prima dar le spalle
a Francia voglio, e girmene in Levante,
tanto ch’io trovi Astolfo paladino,
che per Ponente avea preso il camino.

5
Io lo lasciai ne la città crudele,
onde col suon del formidabil corno
avea cacciato il populo infedele,
e gran periglio toltosi d’intorno,
ed a’ compagni fatto alzar le vele,
e dal lito fuggir con grave scorno.
Or seguendo di lui, dico che prese
la via d’Armenia, e uscì di quel paese.

6
E dopo alquanti giorni in Natalia
trovossi, e inverso Bursia il camin tenne;
onde, continuando la sua via
di qua dal mare, in Tracia se ne venne.
Lungo il Danubio andò per l’Ungaria;
e come avesse il suo destrier le penne,
i Moravi e i Boemi passò in meno
di venti giorni e la Franconia e il Reno.

7
Per la selva d’Ardenna in Aquisgrana
giunse e in Barbante, e in Fiandra al fin s’imbarca.
L’aura che soffia verso tramontana,
la vela in guisa in su la prora carca,
ch’a mezzo giorno Astolfo non lontana
vede Inghilterra, ove nel lito varca.
Salta a cavallo, e in tal modo lo punge,
ch’a Londra quella sera ancora giunge.

8
Quivi sentendo poi che ‘l vecchio Otone
già molti mesi inanzi era in Parigi,
e che di nuovo quasi ogni barone
avea imitato i suoi degni vestigi;
d’andar subito in Francia si dispone:
e così torna al porto di Tamigi,
onde con le vele alte uscendo fuora,
verso Calessio fe’ drizzar la prora.

9
Un ventolin che leggiermente all’orza
ferendo, avea adescato il legno all’onda,
a poco a poco cresce e si rinforza;
poi vien sì, ch’al nocchier ne soprabonda.
Che li volti la poppa al fine è forza;
se non, gli caccerà sotto la sponda.
Per la schena del mar tien dritto il legno,
e fa camin diverso al suo disegno.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!