Footer menù

Testo del canto 21 (XXI) del poema Orlando Furioso

10
Ermonide d’Olanda segnò basso,
che per passare il destro fianco attese:
ma la sua debol lancia andò in fracasso,
e poco il cavallier di Scozia offese.
Non fu già l’altro colpo vano e casso:
roppe lo scudo, e sì la spalla prese,
che la forò da l’uno all’altro lato,
e riversar fe’ Ermonide sul prato.

11
Zerbin che si pensò d’averlo ucciso,
di pietà vinto, scese in terra presto,
e levò l’elmo da lo smorto viso;
e quel guerrier, come dal sonno desto,
senza parlar guardò Zerbino fiso;
e poi gli disse: – Non m’è già molesto
ch’io sia da te abbattuto, ch’ai sembianti
mostri esser fior de’ cavallier erranti;

12
ma ben mi duol che questo per cagione
d’una femina perfida m’avviene,
a cui non so come tu sia campione,
che troppo al tuo valor si disconviene.
E quando tu sapessi la cagione
ch’a vendicarmi di costei mi mene,
avresti, ognor che rimembrassi, affanno
d’aver, per campar lei, fatto a me danno.

13
E se spirto a bastanza avrò nel petto
ch’io il possa dir (ma del contrario temo),
io ti farò veder ch’in ogni effetto
scelerata è costei più ch’in estremo.
Io ebbi già un fratel che giovinetto
d’Olanda si partì, donde noi semo,
e si fece d’Eraclio cavalliero,
ch’allor tenea de’ Greci il sommo impero.

14
Quivi divenne intrinseco e fratello
d’un cortese baron di quella corte,
che nei confin di Servia avea un castello
di sito ameno e di muraglia forte.
Nomossi Argeo colui di ch’io favello,
di questa iniqua femina consorte,
la quale egli amò sì, che passò il segno
ch’a un uom si convenia, come lui, degno.

15
Ma costei, più volubile che foglia
quando l’autunno è più priva d’umore,
che l’ freddo vento gli arbori ne spoglia
e le soffia dinanzi al suo furore;
verso il marito cangiò tosto voglia,
che fisso qualche tempo ebbe nel core;
e volse ogni pensiero, ogni disio
d’acquistar per amante il fratel mio.

16
Ma né sì saldo all’impeto marino
l’Acrocerauno d’infamato nome,
né sta sì duro incontra borea il pino
che rinovato ha più di cento chiome,
che quanto appar fuor de lo scoglio alpino,
tanto sotterra ha le radici; come
il mio fratello a’ prieghi di costei,
nido de tutti i vizi infandi e rei.

17
Or, come avviene a un cavallier ardito,
che cerca briga e la ritrova spesso,
fu in una impresa il mio fratel ferito,
molto al castel del suo compagno appresso,
dove venir senza aspettare invito
solea, fosse o non fosse Argeo con esso;
e dentro a quel per riposar fermosse
tanto che del suo mal libero fosse.

18
Mentre egli quivi si giacea, convenne
ch’in certa sua bisogna andasse Argeo.
Tosto questa sfacciata a tentar venne
il mio fratello, ed a sua usanza feo;
ma quel fedel non oltre più sostenne
avere ai fianchi un stimulo sì reo:
elesse, per servar sua fede a pieno,
di molti mal quel che gli parve meno.

19
Tra molti mal gli parve elegger questo:
lasciar d’Argeo l’intrinsichezza antiqua;
lungi andar sì, che non sia manifesto
mai più il suo nome alla femina iniqua.
Ben che duro gli fosse, era più onesto
che satisfare a quella voglia obliqua,
o ch’accusar la moglie al suo signore,
da cui fu amata a par del proprio core.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web