Footer menù

Testo del canto 20 (XX) del poema Orlando Furioso

40
Elbanio disse a lei: – Se di pietade
s’avesse, donna, qui notizia ancora,
come se n’ha per tutt’altre contrade,
dovunque il vago sol luce e colora;
io vi osarei, per vostr’alma beltade
ch’ogn’animo gentil di sé inamora,
chiedervi in don la vita mia, che poi
saria ognor presto a spenderla per voi.

41
Or quando fuor d’ogni ragion qui sono
privi d’umanitade i cori umani,
non vi domanderò la vita in dono,
che i prieghi miei so ben che sarian vani;
ma che da cavalliero, o tristo o buono
ch’io sia, possi morir con l’arme in mani,
e non come dannato per giudicio,
o come animal bruto in sacrificio. –

42
Alessandra gentil, ch’umidi avea,
per la pietà del giovinetto, i rai,
rispose: – Ancor che più crudele e rea
sia questa terra, ch’altra fosse mai;
non concedo però che qui Medea
ogni femina sia, come tu fai:
e quando ogn’altra così fosse ancora,
me sola di tant’altre io vo’ trar fuora.

43
E se ben per adietro io fossi stata
empia e crudel, come qui sono tante,
dir posso che suggetto ove mostrata
per me fosse pietà, non ebbi avante.
Ma ben sarei di tigre più arrabbiata,
e più duro avre’ il cor che di diamante,
se non m’avesse tolto ogni durezza
tua beltà, tuo valor, tua gentilezza.

44
Così non fosse la legge più forte,
che contra i peregrini è statuita,
come io non schiverei con la mia morte
di ricomprar la tua più degna vita.
Ma non è grado qui di sì gran sorte,
che ti potesse dar libera aita;
e quel che chiedi ancor, ben che sia poco,
difficile ottener fia in questo loco.

45
Pur io vedrò di far che tu l’ottenga,
ch’abbi inanzi al morir questo contento;
ma mi dubito ben che te n’avenga,
tenendo il morir lungo, più tormento. –
Suggiunse Elbanio: – Quando incontra io venga
a dieci armato, di tal cor mi sento,
che la vita ho speranza di salvarme,
e uccider lor, se tutti fosser arme. –

46
Alessandra a quel detto non rispose
se non un gran sospiro, e dipartisse,
e portò nel partir mille amorose
punte nel cor, mai non sanabil, fisse.
Venne alla madre, e voluntà le pose
di non lasciar che ‘l cavallier morisse,
quando si dimostrasse così forte,
che, solo, avesse posto i dieci a morte.

47
La regina Orontea fece raccorre
il suo consiglio, e disse: – A noi conviene
sempre il miglior che ritroviamo, porre
a guardar nostri porti e nostre arene;
e per saper chi ben lasciar, chi torre,
prova è sempre da far quando gli avviene;
per non patir con nostro danno a torto,
che regni il vile, e chi ha valor sia morto.

48
A me par, se a voi par, che statuito
sia, ch’ogni cavallier per lo avvenire,
che fortuna abbia tratto al nostro lito,
prima ch’al tempio si faccia morire,
possa egli sol, se gli piace il partito,
incontra i dieci alla battaglia uscire;
e se di tutti vincerli è possente,
guardi egli il porto, e seco abbia altra gente.

49
Parlo così, perché abbian qui un prigione
che par che vincer dieci s’offerisca.
Quando, sol, vaglia tante altre persone,
dignissimo è, per Dio, che s’esaudisca.
Così in contrario avrà punizione,
quando vaneggi e temerario ardisca. –
Orontea fine al suo parlar qui pose,
a cui de le più antique una rispose:

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web