Footer menù

Testo del canto 20 (XX) del poema Orlando Furioso

30
Sì che, temprando il suo rigore un poco
scelsero, in spazio di quattro anni interi,
di quanti capitaro in questo loco
dieci belli e gagliardi cavallieri,
che per durar ne l’amoroso gioco
contr’esse cento fosser buon guerrieri.
Esse in tutto eran cento; e statuito
ad ogni lor decina fu un marito.

31
Prima ne fur decapitati molti
che riusciro al paragon mal forti.
Or questi dieci a buona pruova tolti,
del letto e del governo ebbon consorti;
facendo lor giurar che, se più colti
altri uomini verriano in questi porti,
essi sarian che, spenta ogni pietade,
li porriano ugualmente a fil di spade.

32
Ad ingrossare, ed a figliar appresso
le donne, indi a temere incominciaro
che tanti nascerian del viril sesso,
che contra lor non avrian poi riparo;
e al fine in man degli uomini rimesso
saria il governo ch’elle avean sì caro:
sì ch’ordinar, mentre eran gli anni imbelli,
far sì, che mai non fosson lor ribelli.

33
Acciò il sesso viril non le soggioghi,
uno ogni madre vuol la legge orrenda,
che tenga seco; gli altri, o li suffoghi,
o fuor del regno li permuti o venda.
Ne mandano per questo in vari luoghi:
e a chi gli porta dicono che prenda
femine, se a baratto aver ne puote;
se non, non torni almen con le man vote.

34
Né uno ancora alleverian, se senza
potesson fare, e mantenere il gregge.
Questa è quanta pietà, quanta clemenza
più ai suoi ch’agli altri usa l’iniqua legge:
gli altri condannan con ugual sentenza;
e solamente in questo si corregge,
che non vuol che, secondo il primiero uso,
le femine gli uccidano in confuso.

35
Se dieci o venti o più persone a un tratto
vi fosser giunte, in carcere eran messe:
e d’una al giorno, e non di più, era tratto
il capo a sorte, che perir dovesse
nel tempio orrendo ch’Orontea avea fatto,
dove un altare alla Vendetta eresse;
e dato all’un de’ dieci il crudo ufficio
per sorte era di farne sacrificio.

36
Dopo molt’anni alle ripe omicide
a dar venne di capo un giovinetto,
la cui stirpe scendea dal buono Alcide,
di gran valor ne l’arme, Elbanio detto.
Qui preso fu, ch’a pena se n’avide,
come quel che venìa senza sospetto;
e con gran guardia in stretta parte chiuso,
con gli altri era serbato al crudel uso.

37
Di viso era costui bello e giocondo,
e di maniere e di costumi ornato,
e di parlar sì dolce e sì facondo,
ch’un aspe volentier l’avria ascoltato:
sì che, come di cosa rara al mondo,
de l’esser suo fu tosto rapportato
ad Alessandra figlia d’Orontea,
che di molt’anni grave anco vivea.

38
Orontea vivea ancora; e già mancate
tutt’eran l’altre ch’abitar qui prima:
e diece tante e più n’erano nate,
e in forza eran cresciute e in maggior stima;
né tra diece fucine che serrate
stavan pur spesso, avean più d’una lima;
e dieci cavallieri anco avean cura
di dare a chi venìa fiera aventura.

39
Alessandra, bramosa di vedere
il giovinetto ch’avea tante lode,
da la sua matre in singular piacere
impetra sì, ch’Elbanio vede ed ode;
e quando vuol partirne, rimanere
si sente il core ove è chi’l punge e rode:
legar si sente e non sa far contesa,
e al fin dal suo prigion si trova presa.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web