Footer menù

Testo del canto 20 (XX) del poema Orlando Furioso

90
Di qua di là, di su di giù smarrita
surge la turba, e di fuggir procaccia.
Son più di mille a un tempo ad ogni uscita:
cascano a monti, e l’una l’altra impaccia.
In tanta calca perde altra la vita;
da palchi e da finestre altra si schiaccia:
più d’un braccio si rompe e d’una testa,
di ch’altra morta, altra storpiata resta.

91
Il pianto e ‘l grido insino al ciel saliva,
d’alta ruina misto e di fraccasso.
Affretta, ovunque il suon del corno arriva,
la turba spaventata in fuga il passo.
Se udite dir che d’ardimento priva
la vil plebe si mostri e di cor basso,
non vi maravigliate, che natura
è de la lepre aver sempre paura.

92
Ma che direte del già tanto fiero
cor di Marfisa e di Guidon Selvaggio?
dei dua giovini figli d’Oliviero,
che già tanto onoraro il lor lignaggio?
Già centomila avean stimato un zero;
e in fuga or se ne van senza coraggio,
come conigli, o timidi colombi
a cui vicino alto rumor rimbombi.

93
Così noceva ai suoi come agli strani
la forza che nel corno era incantata.
Sansonetto, Guidone e i duo germani
fuggon dietro a Marfisa spaventata;
né fuggendo ponno ir tanto lontani,
che lor non sia l’orecchia anco intronata.
Scorre Astolfo la terra in ogni lato,
dando via sempre al corno maggior fiato.

94
Chi scese al mare, e chi poggiò su al monte,
e chi tra i boschi ad occultar si venne:
alcuna, senza mai volger la fronte,
fuggir per dieci dì non si ritenne:
uscì in tal punto alcuna fuor del ponte,
ch’in vita sua mai più non vi rivenne.
Sgombraro in modo e piazze e templi e case,
che quasi vota la città rimase.

95
Marfisa e ‘l bon Guidone e i duo fratelli
e Sansonetto, pallidi e tremanti,
fuggiano inverso il mare, e dietro a quelli
fuggian i marinari e i mercatanti;
ove Aleria trovar, che, fra i castelli,
loro avea un legno apparecchiato inanti.
Quindi, poi ch’in gran fretta li raccolse,
diè i remi all’acqua ed ogni vela sciolse.

96
Dentro e d’intorno il duca la cittade
avea scorsa dai colli insino all’onde;
fatto avea vote rimaner le strade:
ognun lo fugge, ognun se gli nasconde.
Molte trovate fur, che per viltade
s’eran gittate in parti oscure e immonde;
e molte, non sappiendo ove s’andare,
messesi a nuoto ed affogate in mare.

97
Per trovare i compagni il duca viene,
che si credea di riveder sul molo.
Si volge intorno, e le deserte arene
guarda per tutto, e non v’appare un solo.
Leva più gli occhi, e in alto a vele piene
da sé lontani andar li vede a volo:
sì che gli convien fare altro disegno
al suo camin, poi che partito è il legno.

98
Lasciamolo andar pur – né vi rincresca
che tanta strada far debba soletto
per terra d’infedeli e barbaresca,
dove mai non si va senza sospetto:
non è periglio alcuno, onde non esca
con quel suo corno, e n’ha mostrato effetto; –
e dei compagni suoi pigliamo cura,
ch’al mar fuggian tremando di paura.

99
A piena vela si cacciaron lunge
da la crudele e sanguinosa spiaggia:
e poi che di gran lunga non li giunge
l’orribil suon ch’a spaventar più gli aggia,
insolita vergogna sì gli punge,
che, com’un fuoco, a tutti il viso raggia.
L’un non ardisce a mirar l’altro, e stassi
tristo, senza parlar, con gli occhi bassi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web