Footer menù

Testo del canto 19 (XIX) del poema Orlando Furioso

100
– Buon fu per me (dicea quell’altro ancora),
che riposar costui non ho lasciato.
Difender me ne posso a fatica ora
che de la prima pugna è travagliato.
Se fin al nuovo dì facea dimora
a ripigliar vigor, che saria stato?
Ventura ebbi io, quanto più possa aversi,
che non volesse tor quel ch’io gli offersi. –

101
La battaglia durò fin alla sera,
né chi avesse anco il meglio era palese;
né l’un né l’altro più senza lumiera
saputo avria come schivar l’offese.
Giunta la notte, all’inclita guerriera
fu primo a dir il cavallier cortese:
– Che faren, poi che con ugual fortuna
n’ha sopragiunti la notte importuna?

102
Meglio mi par che ‘l viver tuo prolunghi
almeno insino a tanto che s’aggiorni.
Io non posso concederti che aggiunghi
fuor ch’una notte picciola ai tua giorni.
E di ciò che non gli abbi aver più lunghi,
la colpa sopra me non vuo’ che torni:
torni pur sopra alla spietata legge
del sesso feminil che ‘l loco regge.

103
Se di te duolmi e di quest’altri tuoi,
lo sa colui che nulla cosa ha oscura.
Con tuoi compagni star meco tu puoi:
con altri non avrai stanza sicura;
perché la turba, a cu’ i mariti suoi
oggi uccisi hai, già contra te congiura.
Ciascun di questi a cui dato hai la morte,
era di diece femine consorte.

104
Del danno c’han da te ricevut’oggi,
disian novanta femine vendetta:
sì che se meco ad albergar non poggi,
questa notte assalito esser t’aspetta. –
Disse Marfisa: – Accetto che m’alloggi,
con sicurtà che non sia men perfetta
in te la fede e la bontà del core,
che sia l’ardire e il corporal valore.

105
Ma che t’incresca che m’abbi ad uccidere,
ben ti può increscere anco del contrario.
Fin qui non credo che l’abbi da ridere,
perch’io sia men di te duro avversario.
O la pugna seguir vogli o dividere,
o farla all’uno o all’altro luminario,
ad ogni cenno pronta tu m’avrai,
e come ed ogni volta che vorrai. –

106
Così fu differita la tenzone
fin che di Gange uscisse il nuovo albore,
e si restò senza conclusione
chi d’essi duo guerrier fosse il migliore.
Ad Aquilante venne ed a Grifone
e così agli altri il liberal signore,
e li pregò che fin al nuovo giorno
piacesse lor di far seco soggiorno.

107
Tenner lo ‘nvito senza alcun sospetto:
indi, a splendor de bianchi torchi ardenti,
tutti saliro ov’era un real tetto,
distinto in molti adorni alloggiamenti.
Stupefatti al levarsi de l’elmetto,
mirandosi, restaro i combattenti;
che ‘l cavallier, per quanto apparea fuora,
non eccedeva i diciotto anni ancora.

108
Si maraviglia la donzella, come
in arme tanto un giovinetto vaglia;
si maraviglia l’altro, ch’alle chiome
s’avede con chi avea fatto battaglia:
e si domandan l’un con l’altro il nome,
e tal debito tosto si ragguaglia.
Ma come si nomasse il giovinetto,
ne l’altro canto ad ascoltar v’aspetto.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web