Footer menù

Testo del canto 18 (XVIII) del poema Orlando Furioso

50
State, vi priego per mia verde etade,
in cui solete aver sì larga speme:
deh non vogliate andar per fil di spade,
ch’in Africa non torni di noi seme.
Per tutto ne saran chiuse le strade,
se non andiam raccolti e stretti insieme:
troppo alto muro e troppo larga fossa
è il monte e il mar, pria che tornar si possa.

51
Molto è meglio morir qui, ch’ai supplici
darsi e alla discrezion di questi cani.
State saldi, per Dio, fedeli amici;
che tutti son gli altri rimedi vani.
Non han di noi più vita gli nimici;
più d’un’alma non han, più di due mani. –
Così dicendo, il giovinetto forte
al conte d’Otonlei diede la morte.

52
Il rimembrare Almonte così accese
l’esercito african che fuggia prima,
che le braccia e le mani in sue difese
meglio, che rivoltar le spalle, estima.
Guglielmo da Burnich era uno Inglese
maggior di tutti, e Dardinello il cima,
e lo pareggia agli altri; e apresso taglia
il capo ad Aramon di Cornovaglia.

53
Morto cadea questo Aramone a valle;
e v’accorse il fratel per dargli aiuto:
ma Dardinel l’aperse per le spalle
fin giù dove lo stomaco è forcuto.
Poi forò il ventre a Bogio da Vergalle,
e lo mandò del debito assoluto:
avea promesso alla moglier fra sei
mesi, vivendo, di tornare a lei.

54
Vide non lungi Dardinel gagliardo
venir Lurcanio, ch’avea in terra messo
Dorchin, passato ne la gola, e Gardo
per mezzo il capo e insin ai denti fesso;
e ch’Alteo fuggir volse, ma fu tardo,
Alteo ch’amò quanto il suo core istesso;
che dietro alla collottola gli mise
il fier Lurcanio un colpo che l’uccise.

55
Piglia una lancia, e va per far vendetta,
dicendo al suo Macon (s’udir lo puote),
che se morto Lurcanio in terra getta,
ne la moschea ne porrà l’arme vote.
Poi traversando la campagna in fretta,
con tanta forza il fianco gli percuote,
che tutto il passa sin all’altra banda;
ed ai suoi, che lo spoglino, commanda.

56
Non è da domandarmi, se dolere
se ne dovesse Ariodante il frate;
se desiasse di sua man potere
por Dardinel fra l’anime dannate:
ma nol lascian le genti adito avere,
non men de le ‘nfedel le battezzate.
Vorria pur vendicarsi, e con la spada
di qua di là spianando va la strada.

57
Urta, apre, caccia, atterra, taglia e fende
qualunque lo ‘mpedisce o gli contrasta.
E Dardinel che quel disire intende,
a volerlo saziar già non sovrasta:
ma la gran moltitudine contende
con questa ancora, e i suoi disegni guasta.
Se’ Mori uccide l’un, l’altro non manco
gli Scotti uccide e il campo inglese e ‘l franco.

58
Fortuna sempremai la via lor tolse,
che per tutto quel dì non s’accozzaro.
A più famosa man serbar l’un volse;
che l’uomo il suo destin fugge di raro.
Ecco Rinaldo a questa strada volse,
perch’alla vita d’un non sia riparo:
ecco Rinaldo vien: Fortuna il guida
per dargli onor che Dardinello uccida.

59
Ma sia per questa volta detto assai
dei gloriosi fatti di Ponente.
Tempo è ch’io torni ove Grifon lasciai,
che tutto d’ira e di disdegno ardente
facea, con più timor ch’avesse mai,
tumultuar la sbigottita gente.
Re Norandino a quel rumor corso era
con più di mille armati in una schiera.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!