Footer menù

Testo del canto 17 (XVII) del poema Orlando Furioso

60
La sera, quando alla spelonca mena
il gregge l’Orco, e noi fuggiti sente,
e c’ha da rimaner privo di cena,
chiama Lucina d’ogni mal nocente,
e la condanna a star sempre in catena
allo scoperto in sul sasso eminente.
Vedela il re per sua cagion patire,
e si distrugge, e sol non può morire.

61
Matina e sera l’infelice amante
la può veder come s’affliga e piagna;
che le va misto fra le capre avante,
torni alla stalla o torni alla campagna.
Ella con viso mesto e supplicante
gli accenna che per Dio non vi rimagna,
perché vi sta a gran rischio de la vita,
né però a lei può dare alcuna aita.

62
Così la moglie ancor de l’Orco priega
il re che se ne vada, ma non giova;
che d’andar mai senza Lucina niega,
e sempre più costante si ritruova.
In questa servitude, in che lo lega
Pietate e Amor, stette con lunga pruova
tanto, ch’a capitar venne a quel sasso
il figlio d’Agricane e ‘l re Gradasso.

63
Dove con loro audacia tanto fenno,
che liberaron la bella Lucina;
ben che vi fu aventura più che senno:
e la portar correndo alla marina;
e al padre suo, che quivi era, la denno:
e questo fu ne l’ora matutina,
che Norandin con l’altro gregge stava
a ruminar ne la montana cava.

64
Ma poi che ‘l giorno aperta fu la sbarra,
e seppe il re la donna esser partita
(che la moglie de l’Orco gli lo narra),
e come a punto era la cosa gita;
grazie a Dio rende, e con voto n’inarra,
ch’essendo fuor di tal miseria uscita,
faccia che giunga onde per arme possa,
per prieghi o per tesoro, esser riscossa.

65
Pien di letizia va con l’altra schiera
del simo gregge, e viene ai verdi paschi;
e quivi aspetta fin ch’all’ombra nera
il mostro per dormir ne l’erba caschi.
Poi ne vien tutto il giorno e tutta sera;
e al fin sicur che l’Orco non lo ‘ntaschi,
sopra un navilio monta in Satalia;
e son tre mesi ch’arrivò in Soria.

66
In Rodi, in Cipro, e per città e castella
e d’Africa e d’Egitto e di Turchia,
il re cercar fe’ di Lucina bella;
né fin l’altr’ieri aver ne poté spia.
L’altr’ier n’ebbe dal suocero novella,
che seco l’avea salva in Nicosia,
dopo che molti dì vento crudele
era stato contrario alle sue vele.

67
Per allegrezza de la buona nuova
prepara il nostro re la ricca festa;
e vuol ch’ad ogni quarta luna nuova,
una se n’abbia a far simile a questa:
che la memoria rifrescar gli giova
dei quattro mesi che ‘n irsuta vesta
fu tra il gregge de l’Orco; e un giorno, quale
sarà dimane, uscì di tanto male.

68
Questo ch’io v’ho narrato, in parte vidi,
in parte udi’ da chi trovossi al tutto;
dal re, vi dico, che calende ed idi
vi stette, fin che volse in riso il lutto:
e se n’udite mai far altri gridi,
direte a chi gli fa, che mal n’è istrutto. –
Il gentiluomo in tal modo a Grifone
de la festa narrò l’alta cagione.

69
Un gran pezzo di notte si dispensa
dai cavallieri in tal ragionamento;
e conchiudon ch’amore e pietà immensa
mostrò quel re con grande esperimento.
Andaron, poi che si levar da mensa,
ove ebbon grato e buono alloggiamento.
Nel seguente matin sereno e chiaro,
al suon de l’allegrezze si destaro.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web