Footer menù

Testo del canto 17 (XVII) del poema Orlando Furioso

30
Non gli può comparir quanto sia lungo,
sì smisuratamente è tutto grosso.
In luogo d’occhi, di color di fungo
sotto la fronte ha duo coccole d’osso.
Verso noi vien (come vi dico) lungo
il lito, e par ch’un monticel sia mosso.
Mostra le zanne fuor, come fa il porco;
ha lungo il naso, il sen bavoso e sporco.

31
Correndo viene, e ‘l muso a guisa porta
che ‘l bracco suol, quando entra in su la traccia.
Tutti che lo veggiam, con faccia smorta
in fuga andamo ove il timor ne caccia.
Poco il veder lui cieco ne conforta,
quando, fiutando sol, par che più faccia,
ch’altri non fa, ch’abbia odorato e lume:
e bisogno al fuggire eran le piume.

32
Corron chi qua chi là; ma poco lece
da lui fuggir, veloce più che ‘l Noto.
Di quaranta persone, a pena diece
sopra il navilio si salvaro a nuoto.
Sotto il braccio un fastel d’alcuni fece,
né il grembio si lasciò né il seno voto;
un suo capace zaino empissene anco,
che gli pendea, come a pastor, dal fianco.

33
Portòci alla sua tana il mostro cieco,
cavata in lito al mar dentr’uno scoglio.
Di marmo così bianco è quello speco,
come esser soglia ancor non scritto foglio.
Quivi abitava una matrona seco,
di dolor piena in vista e di cordoglio;
ed avea in compagnia donne e donzelle
d’ogni età, d’ogni sorte, e brutte e belle.

34
Era presso alla grotta in ch’egli stava,
quasi alla cima del giogo superno,
un’altra non minor di quella cava,
dove del gregge suo facea governo.
Tanto n’avea, che non si numerava;
e n’era egli il pastor l’estate e ‘l verno.
Ai tempi suoi gli apriva e tenea chiuso,
per spasso che n’avea, più che per uso.

35
L’umana carne meglio gli sapeva:
e prima il fa veder ch’all’antro arrivi;
che tre de’ nostri giovini ch’aveva,
tutti li mangia, anzi trangugia vivi.
Viene alla stalla, e un gran sasso ne leva:
ne caccia il gregge, e noi riserra quivi.
Con quel sen va dove il suol far satollo,
sonando una zampogna ch’avea in collo.

36
Il signor nostro intanto ritornato
alla marina, il suo danno comprende;
che truova gran silenzio in ogni lato,
voti frascati, padiglioni e tende.
Né sa pensar chi sì l’abbia rubato;
e pien di gran timore al lito scende,
onde i nocchieri suoi vede in disparte
sarpar lor ferri e in opra por le sarte.

37
Tosto ch’essi lui veggiono sul lito,
il palischermo mandano a levarlo:
ma non sì tosto ha Norandino udito
de l’ Orco che venuto era a rubarlo,
che, senza più pensar, piglia partito,
dovunque andato sia, di seguitarlo.
Vedersi tor Lucina sì gli duole,
ch’o racquistarla, o non più viver vuole.

38
Dove vede apparir lungo la sabbia
la fresca orma, ne va con quella fretta
con che lo spinge l’amorosa rabbia,
fin che giunge alla tana ch’io v’ho detta;
ove con tema la maggior che s’abbia
a patir mai, l’Orco da noi s’aspetta:
ad ogni suono di sentirlo parci,
ch’affamato ritorni a divorarci.

39
Quivi Fortuna il re da tempo guida,
che senza l’Orco in casa era la moglie.
Come ella ‘l vede: – Fuggine! (gli grida)
misero te, se l’Orco ti ci coglie! –
– Coglia (disse) o non coglia, o salvi o uccida,
che miserrimo i’ sia non mi si toglie.
Disir mi mena, e non error di via,
c’ho di morir presso alla moglie mia. –

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web