Footer menù

Testo del canto 16 (XVI) del poema Orlando Furioso

80
Dove gli Scotti ritornar fuggendo
vede, s’appara, e grida: – Or dove andate?
perché tanta viltade in voi comprendo,
che a sì vil gente il campo abbandonate?
Ecco le spoglie, de le quali intendo
ch’esser dovean le vostre chiese ornate.
Oh che laude, oh che gloria, che ‘l figliuolo
del vostro re si lasci a piedi e solo! –

81
D’un suo scudier una grossa asta afferra,
e vede Prusion poco lontano,
re d’Alvaracchie, e adosso se gli serra,
e de l’arcion lo porta morto al piano.
Morto Agricalte e Bambirago atterra:
dopo fere aspramante Soridano;
e come gli altri l’avria messo a morte,
se nel ferir la lancia era più forte.

82
Stringe Fusberta, poi che l’asta è rotta,
e tocca Serpentin, quel da la Stella.
Fatate l’arme avea, ma quella botta
pur tramortito il manda fuor di sella.
E così al duca de la gente scotta
fa piazza intorno spaziosa e bella;
sì che senza contesa un destrier puote
salir di quei che vanno a selle vote.

83
E ben si ritrovò salito a tempo,
che forse nol facea, se più tardava:
perché Agramante e Dardinello a un tempo,
Sobrin col re Balastro v’arrivava.
Ma egli, che montato era per tempo,
di qua e di là col brando s’aggirava,
mandando or questo or quel giù ne l’inferno
a dar notizia del viver moderno.

84
Il buon Rinaldo, il quale a porre in terra
i più dannosi avea sempre riguardo,
la spada contra il re Agramante afferra,
che troppo gli parea fiero e gagliardo
(facea egli sol più che mille altri guerra);
e se gli spinse adosso con Baiardo:
lo fere a un tempo ed urta di traverso,
sì che lui col destrier manda riverso.

85
Mentre di fuor con sì crudel battaglia,
odio, rabbia, furor l’un l’altro offende,
Rodomonte in Parigi il popul taglia,
le belle case e i sacri templi accende.
Carlo, ch’in altra parte si travaglia,
questo non vede, e nulla ancor ne ‘ntende:
Odoardo raccoglie ed Arimanno
ne la città, col lor popul britanno.

86
A lui venne un scudier pallido in volto,
che potea a pena trar del petto il fiato.
– Ahimè! signor, ahimè – replica molto,
prima ch’abbia a dir altro incominciato:
– Oggi il romano Imperio, oggi è sepolto;
oggi ha il suo popul Cristo abandonato:
il demonio dal cielo è piovuto oggi,
perché in questa città più non s’alloggi.

87
Satanasso (perch’altri esser non puote)
strugge e ruina la città infelice.
Volgiti e mira le fumose ruote
de la rovente fiamma predatrice;
ascolta il pianto che nel ciel percuote;
e faccian fede a quel che ‘l servo dice.
Un solo è quel ch’a ferro e a fuoco strugge
la bella terra, e inanzi ognun gli fugge. –

88
Quale è colui che prima oda il tumulto,
e de le sacre squille il batter spesso,
che vegga il fuoco a nessun altro occulto,
ch’a sé, che più gli tocca, e gli è più presso;
tal è il re Carlo, udendo il nuovo insulto,
e conoscendol poi con l’occhio istesso:
onde lo sforzo di sua miglior gente
al grido drizza e al gran rumor che sente.

89
Dei paladini e dei guerrier più degni
Carlo si chiama dietro una gran parte,
e vêr la piazza fa drizzare i segni;
che ‘l pagan s’era tratto in quella parte.
Ode il rumor, vede gli orribil segni
di crudeltà, l’umane membra sparte.
Ora non più: ritorni un’altra volta
chi voluntier la bella istoria ascolta.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web