Footer menù

Testo del canto 16 (XVI) del poema Orlando Furioso

50
Ritrovar poche tempre e pochi ferri
può la tagliente spada, ove s’incappi,
ma targhe, altre di cuoio, altre di cerri,
giupe trapunte e attorcigliati drappi.
Giusto è ben dunque che Rinaldo atterri
qualunque assale, e fori e squarci e affrappi;
che non più si difende da sua spada,
ch’erba da falce, o da tempesta biada.

51
La prima schiera era già messa in rotta,
quando Zerbin con l’antiguardia arriva.
Il cavallier inanzi alla gran frotta
con la lancia arrestata ne veniva.
La gente sotto il suo pennon condotta,
con non minor fierezza lo seguiva:
tanti lupi parean, tanti leoni
ch’andassero assalir capre o montoni.

52
Spinse a un tempo ciascuno il suo cavallo,
poi che fur presso; e sparì immantinente
quel breve spazio, quel poco intervallo
che si vedea fra l’una e l’altra gente.
Non fu sentito mai più strano ballo;
che ferian gli Scozzesi solamente:
solamente i pagani eran distrutti,
come sol per morir fosser condutti.

53
Parve più freddo ogni pagan che ghiaccio;
parve ogni Scotto più che fiamma caldo.
I Mori si credean ch’avere il braccio
dovesse ogni cristian, ch’ebbe Rinaldo.
Mosse Sobrino i suoi schierati avaccio,
senza aspettar che lo ‘nvitasse araldo:
de l’altra squadra questa era migliore
di capitano, d’arme e di valore.

54
D’Africa v’era la men trista gente;
ben che né questa ancor gran prezzo vaglia.
Dardinel la sua mosse incontinente,
e male armata, e peggio usa in battaglia;
ben ch’egli in capo avea l’elmo lucente,
e tutto era coperto a piastra e a maglia.
Io credo che la quarta miglior sia,
con la qual Isolier dietro venìa.

55
Trasone intanto, il buon duca di Marra,
che ritrovarsi all’alta impresa gode,
ai cavallieri suoi leva la sbarra,
e seco invita alle famose lode,
poi ch’Isolier con quelli di Navarra
entrar ne la battaglia vede ed ode.
Poi mosse Ariodante la sua schiera,
che nuovo duca d’Albania fatt’era.

56
L’alto rumor de le sonore trombe,
de’ timpani e de’ barbari stromenti,
giunti al continuo suon d’archi, di frombe,
di machine, di ruote e di tormenti;
e quel di che più par che ‘l ciel ribombe,
gridi, tumulti, gemiti e lamenti;
rendeno un alto suon ch’a quel s’accorda,
con che i vicin, cadendo, il Nilo assorda.

57
Grande ombra d’ogn’intorno il cielo involve,
nata dal saettar de li duo campi;
l’alito, il fumo del sudor, la polve
par che ne l’aria oscura nebbia stampi.
Or qua l’un campo, or l’altro là si volve:
vedresti or come un segua, or come scampi;
ed ivi alcuno, o non troppo diviso,
rimaner morto ove ha il nimico ucciso.

58
Dove una squadra per stanchezza è mossa,
un’altra si fa tosto andare inanti.
Di qua di là la gente d’arme ingrossa:
là cavallieri, e qua si metton fanti.
La terra che sostien l’assalto, è rossa:
mutato ha il verde ne’ sanguigni manti;
e dov’erano i fiori azzurri e gialli,
giaceno uccisi or gli uomini e i cavalli.

59
Zerbin facea le più mirabil pruove
che mai facesse di sua età garzone:
l’esercito pagan che ‘ntorno piove,
taglia ed uccide e mena a destruzione.
Ariodante alle sue genti nuove
mostra di sua virtù gran paragone;
e dà di sé timore e meraviglia
a quelli di Navarra e di Castiglia.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web