Footer menù

Testo del canto 16 (XVI) del poema Orlando Furioso

40
Senza strepito alcun, senza rumore
fa il tripartito esercito venire:
lungo il fiume a Zerbin dona l’onore
di dover prima i barbari assalire;
e fa quelli d’Irlanda con maggiore
volger di via più tra campagna gire;
e i cavallieri e i fanti d’Inghilterra
col duca di Lincastro in mezzo serra.

41
Drizzati che gli ha tutti al lor camino,
cavalca il paladin lungo la riva,
e passa inanzi al buon duca Zerbino
e a tutto il campo che con lui veniva;
tanto ch’al re d’Orano e al re Sobrino
e agli altri lor compagni soprarriva,
che mezzo miglio appresso a quei di Spagna
guardavan da quel canto la campagna.

42
L’esercito cristian che con sì fida
e sì sicura scorta era venuto,
ch’ebbe il Silenzio e l’angelo per guida,
non poté ormai patir più di star muto.
Sentiti gli nimici, alzò le grida,
e de le trombe udir fe’ il suono arguto:
e con l’alto rumor ch’arrivò al cielo,
mandò ne l’ossa a’ Saracini il gelo.

43
Rinaldo inanzi agli altri il destrier punge;
e con la lancia per cacciarla in resta
lascia gli Scotti un tratto d’arco lunge,
ch’ogni indugio a ferir sì lo molesta.
Come groppo di vento talor giunge,
che si tra’ dietro un’orrida tempesta,
tal fuor di squadra il cavallier gagliardo
venìa spronando il corridor Baiardo.

44
Al comparir del paladin di Francia,
dan segno i Mori alle future angosce:
tremare a tutti in man vedi la lancia,
i piedi in staffa, e ne l’arcion le cosce.
Re Puliano sol non muta guancia,
che questo esser Rinaldo non conosce;
né pensando trovar sì duro intoppo,
gli muove il destrier contra di galoppo:

45
e su la lancia nel partir si stringe,
e tutta in sé raccoglie la persona;
poi con ambo gli sproni il destrier spinge,
e le redine inanzi gli abandona.
Da l’altra parte il suo valor non finge,
e mostra in fatti quel ch’in nome suona,
quanto abbia nel giostrare e grazia ed arte,
il figliuolo d’Amone, anzi di Marte.

46
Furo al segnar degli aspri colpi, pari,
che si posero i ferri ambi alla testa:
ma furo in arme ed in virtù dispari,
che l’un via passa, e l’altro morto resta.
Bisognan di valor segni più chiari,
che por con leggiadria la lancia in resta:
ma fortuna anco più bisogna assai;
che senza, val virtù raro o non mai.

47
La buona lancia il paladin racquista,
e verso il re d’Oran ratto si spicca,
che la persona avea povera e trista
di cor, ma d’ossa e di gran polpe ricca.
Questo por tra bei colpi si può in lista,
ben ch’in fondo allo scudo gli l’appicca:
e chi non vuol lodarlo, abbialo escuso,
perché non si potea giunger più in suso.

48
Non lo ritien lo scudo, che non entre,
ben che fuor sia d’acciar, dentro di palma;
e che da quel gran corpo uscir pel ventre
non faccia l’inequale e piccola alma.
Il destrier che portar si credea, mentre
durasse il lungo dì, sì grave salma,
riferì in mente sua grazie a Rinaldo,
ch’a quello incontro gli schivò un gran caldo.

49
Rotta l’asta, Rinaldo il destrier volta
tanto legger, che fa sembrar ch’abbia ale;
e dove la più stretta e maggior folta
stiparsi vede, impetuoso assale.
Mena Fusberta sanguinosa in volta
che fa l’arme parer di vetro frale:
tempra di ferro il suo tagliar non schiva,
che non vada a trovar la carne viva.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web