Footer menù

Testo del canto 16 (XVI) del poema Orlando Furioso

30
Mandato avea seimila fanti arcieri
sotto l’altiera insegna d’Odoardo,
e duomila cavalli, e più, leggieri
dietro alla guida d’Ariman gagliardo;
e mandati gli avea per li sentieri
che vanno e vengon dritto al mar picardo,
ch’a porta San Martino e San Dionigi
entrassero a soccorso di Parigi.

31
I cariaggi e gli altri impedimenti
con lor fece drizzar per questa strada.
Egli con tutto il resto de le genti
più sopra andò girando la contrada.
Seco avean navi e ponti ed argumenti
da passar Senna che non ben si guada.
Passato ognuno, e dietro i ponti rotti,
ne le lor schiere ordinò Inglesi e Scotti.

32
Ma prima quei baroni e capitani
Rinaldo intorno avendosi ridutti,
sopra la riva ch’alta era dai piani
sì, che poteano udirlo e veder tutti,
disse: – Signor, ben a levar le mani
avete a Dio, che qui v’abbia condutti,
acciò, dopo un brevissimo sudore,
sopra ogni nazion vi doni onore.

33
Per voi saran dui principi salvati,
se levate l’assedio a quelle porte:
il vostro re, che voi sete ubligati
da servitù difendere e da morte;
ed uno imperator de’ più lodati
che mai tenuto al mondo abbiano corte;
e con loro altri re, duci e marchesi,
signori e cavallier di più paesi.

34
Sì che, salvando una città, non soli
Parigini ubligati vi saranno,
che molto più che per li propri duoli,
timidi, afflitti e sbigottiti stanno
per le lor mogli e per li lor figliuoli
ch’a un medesmo pericolo seco hanno,
e per le sante vergini richiuse,
ch’oggi non sien dei voti lor deluse:

35
dico, salvando voi questa cittade,
v’ubligate non solo i Parigini,
ma d’ogn’intorno tutte le contrade.
Non parlo sol dei populi vicini;
ma non è terra per Cristianitade,
che non abbia qua dentro cittadini:
sì che, vincendo, avete da tenere
che più che Francia v’abbia obligo avere.

36
Se donavan gli antiqui una corona
a chi salvasse a un cittadin la vita,
or che degna mercede a voi si dona,
salvando multitudine infinita?
Ma se da invidia o da viltà sì buona
e sì santa opra rimarrà impedita,
credetemi che prese quelle mura,
né Italia né Lamagna anco è sicura;

37
né qualunque altra parte ove s’adori
quel che volse per noi pender sul legno.
Né voi crediate aver lontani i Mori,
né che pel mar sia forte il vostro regno:
che s’altre volte quelli, uscendo fuori
di Zibeltaro e de l’Erculeo segno,
riportar prede da l’isole vostre,
che faranno or, s’avran le terre nostre?

38
Ma quando ancor nessuno onor, nessuno
util v’inanimasse a questa impresa,
commun debito è ben soccorrer l’uno
l’altro, che militiàn sotto una Chiesa.
Ch’io non vi dia rotti i nemici, alcuno
non sia chi tema, e con poca contesa;
che gente male esperta tutta parmi,
senza possanza, senza cor, senz’armi. –

39
Poté con queste e con miglior ragioni,
con parlare espedito e chiara voce
eccitar quei magnanimi baroni
Rinaldo, e quello esercito feroce:
e fu, com’è in proverbio, aggiunger sproni
al buon corsier che già ne va veloce.
Finito il ragionar, fece le schiere
muover pian pian sotto le lor bandiere.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web