Footer menù

Testo del canto 16 (XVI) del poema Orlando Furioso

20
Non so, Signor, se più vi ricordiate,
di questo Saracin tanto sicuro,
che morte le sue genti avea lasciate
tra il secondo riparo e ‘l primo muro,
da la rapace fiamma devorate,
che non fu mai spettacolo più oscuro.
Dissi ch’entrò d’un salto ne la terra
sopra la fossa che la cinge e serra.

21
Quando fu noto il Saracino atroce
all’arme istrane, alla scagliosa pelle,
là dove i vecchi e ‘l popul men feroce
tendean l’orecchie a tutte le novelle,
levossi un pianto, un grido, un’alta voce,
con un batter di man ch’andò alle stelle;
e chi poté fuggir non vi rimase,
per serrarsi ne’ templi e ne le case.

22
Ma questo a pochi il brando rio conciede,
ch’intorno ruota il Saracin robusto.
Qui fa restar con mezza gamba un piede,
là fa un capo sbalzar lungi dal busto;
l’un tagliare a traverso se gli vede,
dal capo all’anche un altro fender giusto:
e di tanti ch’uccide, fere e caccia,
non se gli vede alcun segnare in faccia.

23
Quel che la tigre de l’armento imbelle
ne’ campi ircani o là vicino al Gange,
o ‘l lupo de le capre e de l’agnelle
nel monte che Tifeo sotto si frange;
quivi il crudel pagan facea di quelle
non dirò squadre, non dirò falange,
ma vulgo e populazzo voglio dire,
degno, prima che nasca, di morire.

24
Non ne trova un che veder possa in fronte,
fra tanti che ne taglia, fora e svena.
Per quella strada che vien dritto al ponte
di san Michel, sì popolata e piena,
corre il fiero e terribil Rodomonte,
e la sanguigna spada a cerco mena:
non riguarda né al servo né al signore,
né al giusto ha più pietà ch’al peccatore.

25
Religion non giova al sacerdote,
né la innocenza al pargoletto giova:
per sereni occhi o per vermiglie gote
mercé né donna né donzella truova:
la vecchiezza si caccia e si percuote;
né quivi il Saracin fa maggior pruova
di gran valor, che di gran crudeltade;
che non discerne sesso, ordine, etade.

26
Non pur nel sangue uman l’ira si stende
de l’empio re, capo e signor degli empi,
ma contra i tetti ancor, sì che n’incende
le belle case e i profanati tempi.
Le case eran, per quel che se n’intende,
quasi tutte di legno in quelli tempi:
e ben creder si può; ch’in Parigi ora
de le diece le sei son così ancora.

27
Non par, quantunque il fuoco ogni cosa arda,
che sì grande odio ancor saziar si possa.
Dove s’aggrappi con le mani, guarda,
sì che ruini un tetto ad ogni scossa.
Signor, avete a creder che bombarda
mai non vedeste a Padova sì grossa,
che tanto muro possa far cadere,
quanto fa in una scossa il re d’Algiere.

28
Mentre quivi col ferro il maledetto
e con le fiamme facea tanta guerra,
se di fuor Agramante avesse astretto,
perduta era quel dì tutta la terra.
ma non v’ebbe agio; che gli fu interdetto
dal paladin che venìa d’Inghilterra
col populo alle spalle inglese e scotto,
dal Silenzio e da l’angelo condotto.

29
Dio volse che all’entrar che Rodomonte
fe’ ne la terra, e tanto fuoco accese,
che presso ai muri il fior di Chiaramonte,
Rinaldo, giunse, e seco il campo inglese.
Tre leghe sopra avea gittato il ponte,
e torte vie da man sinistra prese;
che disegnando i barbari assalire,
il fiume non l’avesse ad impedire.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web