Footer menù

Testo del canto 16 (XVI) del poema Orlando Furioso

1
Gravi pene in amor si provan molte,
di che patito io n’ho la maggior parte,
e quelle in danno mio sì ben raccolte,
ch’io ne posso parlar come per arte.
Però s’io dico e s’ho detto altre volte,
e quando in voce e quando in vive carte,
ch’un mal sia lieve, un altro acerbo e fiero,
date credenza al mio giudicio vero.

2
Io dico e dissi, e dirò fin ch’io viva,
che chi si truova in degno laccio preso,
se ben di sé vede sua donna schiva,
se in tutto aversa al suo desire acceso;
se bene Amor d’ogni mercede il priva,
poscia che ‘l tempo e la fatica ha speso;
pur ch’altamente abbia locato il core,
pianger non de’, se ben languisce e muore.

3
Pianger de’ quel che già sia fatto servo
di duo vaghi occhi e d’una bella treccia,
sotto cui si nasconda un cor protervo,
che poco puro abbia con molta feccia.
Vorria il miser fuggire; e come cervo
ferito, ovunque va, porta la freccia:
ha di se stesso e del suo amor vergogna,
né l’osa dire, e invan sanarsi agogna.

4
In questo caso è il giovene Grifone,
che non si può emendare, e il suo error vede,
vede quanto vilmente il suo cor pone
in Orrigille iniqua e senza fede;
pur dal mal uso è vinta la ragione,
e pur l’arbitrio all’appetito cede:
perfida sia quantunque, ingrata e ria,
sforzato è di cercar dove ella sia.

5
Dico, la bella istoria ripigliando,
ch’uscì de la città secretamente,
né parlarne s’ardì col fratel, quando
ripreso invan da lui ne fu sovente.
Verso Rama, a sinistra declinando,
prese la via più piana e più corrente.
Fu in sei giorni a Damasco di Soria;
indi verso Antiochia se ne gìa.

6
Scontrò presso a Damasco il cavalliero
a cui donato aveva Orrigille il core:
e convenian di rei costumi in vero,
come ben si convien l’erba col fiore;
che l’uno e l’altro era di cor leggiero,
perfido l’uno e l’altro e traditore;
e copria l’uno e l’altro il suo difetto,
con danno altrui, sotto cortese aspetto.

7
Come io vi dico, il cavallier venìa
s’un gran destrier con molta pompa armato:
la perfida Orrigille in compagnia,
in un vestire azzur d’oro fregiato,
e duo valletti, donde si servia
a portar elmo e scudo, aveva allato;
come quel che volea con bella mostra
comparire in Damasco ad una giostra.

8
Una splendida festa che bandire
fece il re di Damasco in quelli giorni,
era cagion di far quivi venire
i cavallier quanto potean più adorni.
Tosto che la puttana comparire
vede Grifon, ne teme oltraggi e scorni:
sa che l’amante suo non è sì forte,
che contra lui l’abbia a campar da morte.

9
Ma sì come audacissima e scaltrita,
ancor che tutta di paura trema,
s’acconcia il viso, e sì la voce aita,
che non appar in lei segno di tema.
Col drudo avendo già l’astuzia ordita,
corre, e fingendo una letizia estrema,
verso Grifon l’aperte braccia tende,
lo stringe al collo, e gran pezzo ne pende.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!