Footer menù

Testo del canto 15 (XV) del poema Orlando Furioso

90
Tosto che ‘l castellan di Damiata
certificossi ch’era morto Orrilo,
la columba lasciò, ch’avea legata
sotto l’ala la lettera col filo.
Quella andò al Cairo; ed indi fu lasciata
un’altra altrove, come quivi è stilo:
sì che in pochissime ore andò l’aviso
per tutto Egitto, ch’era Orrilo ucciso.

91
Il duca, come al fin trasse l’impresa,
confortò molto i nobili garzoni,
ben che da sé v’avean la voglia intesa,
né bisognavan stimuli né sproni,
che per difender de la santa Chiesa
e del romano Imperio le ragioni,
lasciasser le battaglie d’Oriente,
e cercassino onor ne la lor gente.

92
Così Grifone ed Aquilante tolse
ciascuno da la sua donna licenza;
le quali, ancor che lor ne ‘ncrebbe e dolse,
non vi seppon però far resistenza.
Con essi Astolfo a man destra si volse;
che si deliberar far riverenza
ai santi luoghi ove Dio in carne visse,
prima che verso Francia si venisse.

93
Potuto avrian pigliar la via mancina,
ch’era più dilettevole e più piana,
e mai non si scostar da la marina;
ma per la destra andaro orrida e strana,
perché l’alta città di Palestina
per questa sei giornate è men lontana.
Acqua si truova ed erba in questa via:
di tutti gli altri ben v’è carestia.

94
Sì che prima ch’entrassero in viaggio,
ciò che lor bisognò, fecion raccorre,
e carcar sul gigante il carriaggio,
ch’avria portato in collo anco una torre.
Al finir del camino aspro e selvaggio,
da l’alto monte alla lor vista occorre
la santa terra, ove il superno Amore
lavò col proprio sangue il nostro errore.

95
Trovano in su l’entrar de la cittade
un giovene gentil, lor conoscente,
Sansonetto da Meca, oltre l’etade,
ch’era nel primo fior, molto prudente;
d’alta cavalleria, d’alta bontade
famoso, e riverito fra la gente.
Orlando lo converse a nostra fede,
e di sua man battesmo anco gli diede.

96
Quivi lo trovan che disegna a fronte
del calife d’Egitto una fortezza;
e circondar vuole il Calvario monte
di muro di duo miglia di lunghezza.
Da lui raccolti fur con quella fronte
che può d’interno amor dar più chiarezza,
e dentro accompagnati, e con grande agio
fatti alloggiar nel suo real palagio.

97
Avea in governo egli la terra, e in vece
di Carlo vi reggea l’imperio giusto.
Il duca Astolfo a costui dono fece
di quel sì grande e smisurato busto,
ch’a portar pesi gli varrà per diece
bestie da soma, tanto era robusto.
Diegli Astolfo il gigante, e diegli appresso
la rete ch’in sua forza l’avea messo.

98
Sansonetto all’incontro al duca diede
per la spada una cinta ricca e bella;
e diede spron per l’uno e l’altro piede,
che d’oro avean la fibbia e la girella;
ch’esser del cavallier stati si crede,
che liberò dal drago la donzella:
al Zaffo avuti con molt’altro arnese
Sansonetto gli avea, quando lo prese.

99
Purgati de lor colpe a un monasterio
che dava di sé odor di buoni esempi,
de la passion di Cristo ogni misterio
contemplando n’andar per tutti i tempi
ch’or con eterno obbrobrio e vituperio
agli cristiani usurpano i Mori empi.
L’Europa è in arme, e di far guerra agogna
in ogni parte, fuor ch’ove bisogna.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!