Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

80
Credendo quivi ritrovarlo, mosse
con maggior fretta le dorate penne;
e di veder ch’ancor Pace vi fosse,
Quiete e Carità, sicuro tenne.
Ma da la opinion sua ritrovosse
tosto ingannato, che nel chiostro venne:
non è Silenzio quivi; e gli fu ditto
che non v’abita più, fuor che in iscritto.

81
Né Pietà, né Quiete, né Umiltade,
né quivi Amor, né quivi Pace mira.
Ben vi fur già, ma ne l’antiqua etade;
che le cacciar Gola, Avarizia ed Ira,
Superbia, Invidia, Inerzia e Crudeltade.
Di tanta novità l’angel si ammira:
andò guardando quella brutta schiera,
e vide ch’anco la Discordia v’era.

82
Quella che gli avea detto il Padre eterno,
dopo il Silenzio, che trovar dovesse.
Pensato avea di far la via d’Averno,
che si credea che tra’ dannati stesse;
e ritrovolla in questo nuovo inferno
(ch’il crederia?) tra santi uffici e messe.
Par di strano a Michel ch’ella vi sia,
che per trovar credea di far gran via.

83
La conobbe al vestir di color cento,
fatto a liste inequali ed infinite,
ch’or la cuoprono or no; che i passi e ‘l vento
le giano aprendo, ch’erano sdrucite.
I crini avea qual d’oro e qual d’argento,
e neri e bigi, e aver pareano lite;
altri in treccia, altri in nastro eran raccolti,
molti alle spalle, alcuni al petto sciolti.

84
Di citatorie piene e di libelli,
d’esamine e di carte di procure
avea le mani e il seno, e gran fastelli
di chiose, di consigli e di letture;
per cui le facultà de’ poverelli
non sono mai ne le città sicure.
Aveva dietro e dinanzi e d’ambi i lati,
notai, procuratori ed avocati.

85
La chiama a sé Michele, e le commanda
che tra i più forti Saracini scenda,
e cagion truovi, che con memoranda
ruina insieme a guerreggiar gli accenda.
Poi del Silenzio nuova le domanda:
facilmente esser può ch’essa n’intenda,
sì come quella ch’accendendo fochi
di qua e di là, va per diversi lochi.

86
Rispose la Discordia: – Io non ho a mente
in alcun loco averlo mai veduto:
udito l’ho ben nominar sovente,
e molto commendarlo per astuto.
Ma la Fraude, una qui di nostra gente,
che compagnia talvolta gli ha tenuto,
penso che dir te ne saprà novella; –
e verso una alzò il dito, e disse: – È quella. –

87
Avea piacevol viso, abito onesto,
un umil volger d’occhi, un andar grave,
un parlar sì benigno e sì modesto,
che parea Gabriel che dicesse: Ave.
Era brutta e deforme in tutto il resto:
ma nascondea queste fattezze prave
con lungo abito e largo; e sotto quello,
attosicato avea sempre il coltello.

88
Domanda a costei l’angelo, che via
debba tener, sì che ‘l Silenzio truove.
Disse la Fraude: – Già costui solia
fra virtudi abitare, e non altrove,
con Benedetto e con quelli d’Elia
ne le badie, quando erano ancor nuove:
fe’ ne le scuole assai de la sua vita
al tempo di Pitagora e d’Archita.

89
Mancati quei filosofi e quei santi
che lo solean tener pel camin ritto,
dagli onesti costumi ch’avea inanti,
fece alle sceleraggini tragitto.
Cominciò andar la notte con gli amanti,
indi coi ladri, e fare ogni delitto.
Molto col Tradimento egli dimora:
veduto l’ho con l’Omicidio ancora.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web