Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

70
E se gli è tuo voler ch’egli patisca,
e ch’abbia il nostro error degni supplici,
almeno la punizion si differisca
sì, che per man non sia de’ tuoi nemici;
che quando lor d’uccider noi sortisca,
che nome avemo pur d’esser tuo’ amici,
i pagani diran che nulla puoi,
che perir lasci i partigiani tuoi.

71
E per un che ti sia fatto ribelle,
cento ti si faran per tutto il mondo;
tal che la legge falsa di Babelle
caccerà la tua fede e porrà al fondo.
Difendi queste genti, che son quelle
che ‘l tuo sepulcro hanno purgato e mondo
da’ brutti cani, e la tua santa Chiesa
con li vicari suoi spesso difesa.

72
So che i meriti nostri atti non sono
a satisfare al debito d’un’oncia;
né devemo sperar da te perdono,
se riguardiamo a nostra vita sconcia:
ma se vi aggiugni di tua grazia il dono,
nostra ragion fia ragguagliata e concia;
né del tuo aiuto disperar possiamo,
qualor di tua pietà ci ricordiamo. –

73
Così dicea l’imperator devoto,
con umiltade e contrizion di core.
Giunse altri prieghi e convenevol voto
al gran bisogno e all’alto suo splendore.
Non fu il caldo pregar d’effetto voto;
però che ‘l genio suo, l’angel migliore,
i prieghi tolse e spiegò al ciel le penne,
ed a narrare al Salvator li venne.

74
E furo altri infiniti in quello instante
da tali messagger portati a Dio;
che come gli ascoltar l’anime sante,
dipinte di pietade il viso pio,
tutte miraro il sempiterno Amante,
e gli mostraro il commun lor disio,
che la giusta orazion fosse esaudita
del populo cristian che chiede aita.

75
E la Bontà ineffabile, ch’invano
non fu pregata mai da cor fedele,
leva gli occhi pietosi, e fa con mano
cenno che venga a sé l’angel Michele.
– Va (gli disse) all’esercito cristiano
che dianzi in Picardia calò le vele,
e al muro di Parigi l’appresenta
sì, che ‘l campo nimico non lo senta.

76
Truova prima il Silenzio, e da mia parte
gli di’ che teco a questa impresa venga;
ch’egli ben proveder con ottima arte
saprà di quanto proveder convenga.
Fornito questo, subito va in parte
dove il suo seggio la Discordia tenga:
dille che l’esca e il fucil seco prenda,
e nel campo de’ Mori il fuoco accenda;

77
e tra quei che vi son detti più forti
sparga tante zizzanie e tante liti,
che combattano insieme; ed altri morti,
altri ne sieno presi, altri feriti,
e fuor del campo altri lo sdegno porti
sì che il lor re poco di lor s’aiti. –
Non replica a tal detto altra parola
il benedetto augel, ma dal ciel vola.

78
Dovunque drizza Michel angel l’ale,
fuggon le nubi, e torna il ciel sereno.
Gli gira intorno un aureo cerchio, quale
veggiàn di notte lampeggiar baleno.
Seco pensa tra via, dove si cale
il celeste corrier per fallir meno
a trovar quel nimico di parole,
a cui la prima commission far vuole.

79
Vien scorrendo ov’egli abiti, ov’egli usi;
e se accordaro infin tutti i pensieri,
che de frati e de monachi rinchiusi
lo può trovare in chiese e in monasteri,
dove sono i parlari in modo esclusi,
che ‘l Silenzio, ove cantano i salteri,
ove dormeno, ove hanno la piatanza,
e finalmente è scritto in ogni stanza.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web