Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

90
Con quei che falsan le monete ha usanza
di ripararsi in qualche buca scura.
Così spesso compagni muta e stanza,
che ‘l ritrovarlo ti saria ventura;
ma pur ho d’insegnartelo speranza:
se d’arrivare a mezza notte hai cura
alla casa del Sonno, senza fallo
potrai (che quivi dorme) ritrovallo. –

91
Ben che soglia la Fraude esser bugiarda,
pur è tanto il suo dir simile al vero,
che l’angelo le crede; indi non tarda
a volarsene fuor del monastero.
Tempra il batter de l’ale, e studia e guarda
giungere in tempo al fin del suo sentiero,
ch’alla casa del Sonno, che ben dove
era sapea, questo Silenzio truove.

92
Giace in Arabia una valletta amena,
lontana da cittadi e da villaggi,
ch’all’ombra di duo monti è tutta piena
d’antiqui abeti e di robusti faggi.
Il sole indarno il chiaro dì vi mena;
che non vi può mai penetrar coi raggi,
sì gli è la via da folti rami tronca:
e quivi entra sotterra una spelonca.

93
Sotto la negra selva una capace
e spaziosa grotta entra nel sasso,
di cui la fronte l’edera seguace
tutta aggirando va con storto passo.
In questo albergo il grave Sonno giace;
l’Ozio da un canto corpulento e grasso,
da l’altro la Pigrizia in terra siede,
che non può andare, e mal reggersi in piede.

94
Lo smemorato Oblio sta su la porta:
non lascia entrar, né riconosce alcuno;
non ascolta imbasciata, né riporta;
e parimente tien cacciato ognuno.
Il Silenzio va intorno, e fa la scorta:
ha le scarpe di feltro, e ‘l mantel bruno;
ed a quanti n’incontra, di lontano,
che non debban venir, cenna con mano.

95
Se gli accosta all’orecchio e pianamente
l’angel gli dice: – Dio vuol che tu guidi
a Parigi Rinaldo con la gente
che per dar, mena, al suo signor sussidi:
ma che lo facci tanto chetamente,
ch’alcun de’ Saracin non oda i gridi;
sì che più tosto che ritruovi il calle
la Fama d’avisar, gli abbia alle spalle. –

96
Altrimente il Silenzio non rispose,
che col capo accennando che faria;
e dietro ubidiente se gli pose;
e furo al primo volo in Picardia.
Michel mosse le squadre coraggiose,
e fe’ lor breve un gran tratto di via;
sì che in un dì a Parigi le condusse,
né alcun s’avide che miracol fusse.

97
Discorreva il Silenzio, e tuttavolta,
e dinanzi alle squadre e d’ogn’intorno
facea girare un’alta nebbia in volta,
ed avea chiaro ogn’altra parte il giorno;
e non lasciava questa nebbia folta,
che s’udisse di fuor tromba né corno:
poi n’andò tra’ pagani, e menò seco
un non so che, ch’ognun fe’ sordo e cieco.

98
Mentre Rinaldo in tal fretta venìa,
che ben parea da l’angelo condotto,
e con silenzio tal, che non s’udia
nel campo saracin farsene motto;
il re Agramante avea la fanteria
messo ne’ borghi di Parigi, e sotto
le minacciate mura in su la fossa,
per far quel dì l’estremo di sua possa.

99
Chi può contar l’esercito che mosso
questo dì contro Carlo ha ‘l re Agramante,
conterà ancora in su l’ombroso dosso
del silvoso Apennin tutte le piante;
dirà quante onde, quando è il mar più grosso,
bagnano i piedi al mauritano Atlante;
e per quanti occhi il ciel le furtive opre
degli amatori a mezza notte scuopre.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web