Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

1
Nei molti assalti e nei crudel conflitti,
ch’avuti avea con Francia, Africa e Spagna,
morti erano infiniti, e derelitti
al lupo, al corvo, all’aquila griffagna;
e ben che i Franchi fossero più afflitti,
che tutta avean perduta la campagna;
più si doleano i Saracin, per molti
principi e gran baron ch’eran lor tolti.

2
Ebbon vittorie così sanguinose,
che lor poco avanzò di che allegrarsi.
E se alle antique le moderne cose,
invitto Alfonso, denno assimigliarsi;
la gran vittoria, onde alle virtuose
opere vostre può la gloria darsi,
di ch’aver sempre lacrimose ciglia
Ravenna debbe, a queste s’assimiglia:

3
quando cedendo Morini e Picardi,
l’esercito normando e l’aquitano,
voi nel mezzo assaliste gli stendardi
del quasi vincitor nimico ispano,
seguendo voi quei gioveni gagliardi,
che meritar con valorosa mano
quel dì da voi, per onorati doni,
l’else indorate e gl’indorati sproni.

4
Con sì animosi petti che vi foro
vicini o poco lungi al gran periglio,
crollaste sì le ricche Giande d’oro,
sì rompeste il baston giallo e vermiglio,
ch’a voi si deve il trionfale alloro,
che non fu guasto né sfiorato il Giglio.
D’un’altra fronde v’orna anco la chioma
l’aver serbato il suo Fabrizio a Roma.

5
La gran Colonna del nome romano,
che voi prendeste, e che servaste intera,
vi dà più onor che se di vostra mano
fosse caduta la milizia fiera,
quanta n’ingrassa il campo ravegnano,
e quanta se n’andò senza bandiera
d’Aragon, di Castiglia e di Navarra,
veduto non giovar spiedi né carra.

6
Quella vittoria fu più di conforto,
che d’allegrezza; perché troppo pesa
contra la gioia nostra il veder morto
il capitan di Francia e de l’impresa;
e seco avere una procella absorto
tanti principi illustri, ch’a difesa
dei regni lor, dei lor confederati,
di qua da le fredd’Alpi eran passati.

7
Nostra salute, nostra vita in questa
vittoria suscitata si conosce,
che difende che ‘l verno e la tempesta
di Giove irato sopra noi non crosce:
ma né goder potiam, né farne festa,
sentendo i gran ramarichi e l’angosce,
ch’in veste bruna e lacrimosa guancia
le vedovelle fan per tutta Francia.

8
Bisogna che proveggia il re Luigi
di nuovi capitani alle sue squadre,
che per onor de l’aurea Fiordaligi
castighino le man rapaci e ladre,
che suore, e frati e bianchi e neri e bigi
violato hanno, e sposa e figlia e madre;
gittato in terra Cristo in sacramento,
per torgli un tabernaculo d’argento.

9
O misera Ravenna, t’era meglio
ch’al vincitor non fêssi resistenza;
far ch’a te fosse inanzi Brescia speglio,
che tu lo fossi a Arimino e a Faenza.
Manda, Luigi, il buon Traulcio veglio,
ch’insegni a questi tuoi più continenza,
e conti lor quanti per simil torti
stati ne sian per tutta Italia morti.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!