Footer menù

Testo del canto 13 (XIII) del poema Orlando Furioso

60
dove onorato e splendido certame
avrà col suo dignissimo consorte,
chi di lor più le virtù prezzi ed ame,
e chi meglio apra a cortesia le porte.
S’un narrerà ch’al Taro e nel Reame
fu a liberar da’ Galli Italia forte;
l’altra dirà: – Sol perché casta visse
Penelope, non fu minor d’Ulisse. –

61
Gran cose e molte in brevi detti accolgo
di questa donna e più dietro ne lasso,
che in quelli dì ch’io mi levai dal volgo,
mi fe’ chiare Merlin dal cavo sasso.
E s’in questo gran mar la vela sciolgo,
di lunga Tifi in navigar trapasso.
Conchiudo in somma, ch’ella avrà, per dono,
de la virtù e del ciel, ciò ch’è di buono.

62
Seco avrà la sorella Beatrice,
a cui si converrà tal nome a punto:
ch’essa non sol del ben che qua giù lice,
per quel che viverà, toccherà il punto;
ma avrà forza di far seco felice,
fra tutti i ricchi duci, il suo congiunto,
il qual, come ella poi lascerà il mondo,
così de l’infelici andrà nel fondo.

63
E Moro e Sforza e Viscontei colubri,
lei viva, formidabili saranno
da l’iperboree nievi ai lidi rubri,
da l’Indo ai monti ch’al tuo mar via danno:
lei morta, andran col regno degl’Insubri,
e con grave di tutta Italia danno,
in servitute; e fia stimata, senza
costei, ventura la somma prudenza.

64
Vi saranno altre ancor, ch’avranno il nome
medesmo, e nasceran molt’anni prima:
di ch’una s’ornerà le sacre chiome
de la corona di Pannonia opima;
un’altra, poi che le terrene some
lasciate avrà, fia ne l’ausonio clima
collocata nel numer de le dive,
ed avrà incensi e imagini votive.

65
De l’altre tacerò; che, come ho detto,
lungo sarebbe a ragionar di tante;
ben che per sé ciascuna abbia suggetto
degno, ch’eroica e chiara tuba cante.
Le Bianche, le Lucrezie io terrò in petto,
e le Costanze e l’altre, che di quante
splendide case Italia reggeranno,
reparatrici e madri ad esser hanno.

66
Più ch’altre fosser mai, le tue famiglie
saran ne le lor donne aventurose;
non dico in quella più de le lor figlie,
che ne l’alta onestà de le lor spose.
E acciò da te notizia anco si piglie
di questa parte che Merlin mi espose,
forse perch’io ‘l dovessi a te ridire,
ho di parlarne non poco desire.

67
E dirò prima di Ricciarda, degno
esempio di fortezza e d’onestade:
vedova rimarrà, giovane, a sdegno
di Fortuna; il che spesso ai buoni accade.
I figli, privi del paterno regno,
esuli andar vedrà in strane contrade,
fanciulli in man degli aversari loro;
ma infine avrà il suo male amplo ristoro.

68
De l’alta stirpe d’Aragone antica
non tacerò la splendida regina,
di cui né saggia sì, né sì pudica
veggio istoria lodar greca o latina,
né a cui Fortuna più si mostri amica:
poi che sarà da la Bontà divina
elletta madre a parturir la bella
progenie, Alfonso, Ippolito e Isabella.

69
Costei sarà la saggia Leonora,
che nel tuo felice arbore s’inesta.
Che ti dirò de la seconda nuora,
succeditrice prossima di questa?
Lucrezia Borgia, di cui d’ora in ora
le beltà, la virtù, la fama onesta
e la fortuna crescerà, non meno
che giovin pianta in morbido terreno.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web