Footer menù

Testo del canto 13 (XIII) del poema Orlando Furioso

50
A tutti par, l’incantator mirando,
mirar quel che per sé brama ciascuno,
donna, scudier, compagno, amico; quando
il desiderio uman non è tutto uno.
Quindi il palagio van tutti cercando
con lungo affanno, senza frutto alcuno;
e tanta è la speranza e il gran disire
del ritrovar, che non ne san partire.

51
Come tu giungi (disse) in quella parte
che giace presso all’incantata stanza,
verrà l’incantatore a ritrovarte,
che terrà di Ruggiero ogni sembianza;
e ti farà parer con sua mal’arte,
ch’ivi lo vinca alcun di più possanza,
acciò che tu per aiutarlo vada
dove con gli altri poi ti tenga a bada.

52
Acciò l’inganni, in che son tanti e tanti
caduti, non ti colgan, sie avertita,
che se ben di Ruggier viso e sembianti
ti parrà di veder, che chieggia aita,
non gli dar fede tu; ma, come avanti
ti vien, fagli lasciar l’indegna vita:
né dubitar perciò che Ruggier muoia,
ma ben colui che ti dà tanta noia.

53
Ti parrà duro assai, ben lo conosco,
uccidere un che sembri il tuo Ruggiero:
pur non dar fede all’occhio tuo, che losco
farà l’incanto, e celeragli il vero.
Fermati, pria ch’io ti conduca al bosco,
sì che poi non si cangi il tuo pensiero;
che sempre di Ruggier rimarrai priva,
se lasci per viltà che ‘l mago viva. –

54
La valorosa giovane, con questa
intenzion che ‘l fraudolente uccida,
a pigliar l’arme ed a seguire è presta
Melissa; che sa ben quanto l’è fida.
Quella, or per terren culto, or per foresta,
a gran giornate e in gran fretta la guida,
cercando alleviarle tuttavia
con parlar grato la noiosa via.

55
E più di tutti i bei ragionamenti,
spesso le ripetea ch’uscir di lei
e di Ruggier doveano gli eccellenti
principi e gloriosi semidei.
Come a Melissa fossino presenti
tutti i secreti degli eterni dei,
tutte le cose ella sapea predire,
ch’avean per molti seculi a venire.

56
– Deh, come, o prudentissima mia scorta
(dicea a la maga l’inclita donzella),
molti anni prima tu m’hai fatta accorta
di tanta mia viril progenie bella;
così d’alcuna donna mi conforta,
che di mia stirpe sia, s’alcuna in quella
metter si può tra belle e virtuose. –
E la cortese maga le rispose:

57
– Da te uscir veggio le pudiche donne,
madri d’imperatori e di gran regi,
reparatrici e solide colonne
di case illustri e di domìni egregi;
che men degne non son ne le lor gonne,
ch’in arme i cavallier, di sommi pregi,
di pietà, di gran cor, di gran prudenza,
di somma e incomparabil continenza.

58
E s’io avrò da narrarti di ciascuna
che ne la stirpe tua sia d’onor degna,
troppo sarà; ch’io non ne veggio alcuna
che passar con silenzio mi convegna.
Ma ti farò, tra mille, scelta d’una
o di due coppie, acciò ch’a fin ne vegna.
Ne la spelonca perché nol dicesti?
che l’imagini ancor vedute avresti.

59
De la tua chiara stirpe uscirà quella
d’opere illustri e di bei studi amica,
ch’io non so ben se più leggiadra e bella
mi debba dire, o più saggia e pudica,
liberale e magnanima Isabella,
che del bel lume suo dì e notte aprica
farà la terra che sul Menzo siede,
a cui la madre d’Ocno il nome diede:

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web