Footer menù

Testo del canto 13 (XIII) del poema Orlando Furioso

20
Quivi il crudo tiranno Amor, che sempre
d’ogni promessa sua fu disleale,
e sempre guarda come involva e stempre
ogni nostro disegno razionale,
mutò con triste e disoneste tempre
mio conforto in dolor, mio bene in male;
che quell’amico, in chi Zerbin si crede,
di desire arse, ed agghiacciò di fede.

21
O che m’avesse in mar bramata ancora,
né fosse stato a dimostrarlo ardito,
o cominciassi il desiderio allora
che l’agio v’ebbe dal solingo lito;
disegnò quivi senza più dimora
condurre a fin l’ingordo suo appetito;
ma prima da sé torre un de li dui
che nel battel campati eran con nui.

22
Quell’era omo di Scozia, Almonio detto,
che mostrava a Zerbin portar gran fede;
e commendato per guerrier perfetto
da lui fu, quando ad Odorico il diede.
Disse a costui, che biasmo era e difetto,
se mi traeano alla Rocella a piede;
e lo pregò ch’inanti volesse ire
a farmi incontra alcun ronzin venire.

23
Almonio, che di ciò nulla temea,
immantinente inanzi il camin piglia
alla città che ‘l bosco ci ascondea,
e non era lontana oltra sei miglia.
Odorico scoprir sua voglia rea
all’altro finalmente si consiglia;
sì perché tor non se lo sa d’appresso,
sì perché avea gran confidenza in esso.

24
Era Corebo di Bilbao nomato
quel di ch’io parlo, che con noi rimase;
che da fanciullo picciolo allevato
s’era con lui ne le medesme case.
Poter con lui communicar l’ingrato
pensiero il traditor si persuase,
sperando ch’ad amar saria più presto
il piacer de l’amico, che l’onesto.

25
Corebo, che gentile era e cortese,
non lo potè ascoltar senza gran sdegno:
lo chiamò traditore, e gli contese
con parole e con fatti il rio disegno.
Grande ira all’uno e all’altro il core accese,
e con le spade nude ne fer segno.
Al trar de’ ferri, io fui da la paura
volta a fuggir per l’alta selva oscura.

26
Odorico, che maestro era di guerra,
in pochi colpi a tal vantaggio venne,
che per morto lasciò Corebo in terra,
e per le mie vestigie il camin tenne.
Prestògli Amor (se ‘l mio creder non erra),
acciò potesse giungermi, le penne;
e gl’insegnò molte lusinghe e prieghi,
con che ad amarlo e compiacer mi pieghi.

27
Ma tutto è indarno; che fermata e certa
più tosto era a morir, ch’a satisfarli.
Poi ch’ogni priego, ogni lusinga esperta
ebbe e minacce, e non potean giovarli,
si ridusse alla forza a faccia aperta.
Nulla mi val che supplicando parli
de la fé ch’avea in lui Zerbino avuta,
e ch’io ne le sue man m’era creduta.

28
Poi che gittar mi vidi i prieghi invano,
né mi sperare altronde altro soccorso,
e che più sempre cupido e villano
a me venìa, come famelico orso;
io mi difesi con piedi e con mano,
ed adopra’vi sin a l’ugne e il morso:
pela’gli il mento, e gli graffiai la pelle,
con stridi che n’andavano alle stelle.

29
Non so se fosse caso, o li miei gridi
che si doveano udir lungi una lega,
o pur ch’usati sian correre ai lidi
quando navilio alcun si rompe o anniega;
sopra il monte una turba apparir vidi,
e questa al mare e verso noi si piega.
Come la vede il Biscaglin venire,
lascia l’impresa, e voltasi a fuggire.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web